Renzo Bossi e gli altri. I turisti dalla laurea facile in Albania

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Renzo Bossi e gli altri. I turisti dalla laurea facile in Albania

02 Dicembre 2013

Una laurea costata cara, quella di Renzo Bossi in Albania. Non tanto per il presunto costo del "pezzo di carta", oltre 70mila euro secondo i Pm che indagano sul caso. Ma anche perché l’indagine rischia di scoperchiare una brutta abitudine degli italiani. Secondo il ministro dell’interno albanese Samjr Tahiri, infatti, sarebbero almeno una decina "gli studenti italiani indagati a Tirana, per aver conseguito una laurea senza aver mai seguito le lezioni nelle università private albanesi". Il ministro ha aggiunto che "Non vogliamo il turismo delle lauree comprate, questi studenti fantasma sono indagati per corruzione, abuso d’ufficio e altri reati", mettendo anche Renzo Bossi tra i casi in questione. "Abbiamo affidato ad una società internazionale di valutazione l’incarico di verificare gli standard di qualità degli atenei. Gli studenti fantasma sono un danno per tutti", ha concluso il ministro, spiegando che i dieci italiani "hanno preso la laurea in Scienze sociali senza essere venuti neanche un giorno".