Riforme, Renzi: “Regole con Berlusconi, teatrino da M5S”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Riforme, Renzi: “Regole con Berlusconi, teatrino da M5S”

20 Luglio 2014

 “Con Forza Italia che rappresenta milioni di voti non c’è un accordo di governo", dice Matteo Renzi, "ma istituzionale perché in un Paese civile le regole si fanno insieme". Renzi insomma prende le distanze da Grillo e Casaleggio e blinda il Patto del Nazareno, criticando l’atteggiamento di M5S: “Sono abbastanza colpito dal teatrino politico di Grillo, ha un modo di procedere che ricorda le correnti dei partiti della Prima repubblica con la differenza che non ha i voti. Se vuole parlare con noi ci siamo ma la nostra priorità è fare le riforme”. Nella giornata di ieri, mentre il vicepresidente di Maio continuava a fare da pontiere tra Pd e pentastellati i dioscuri Grillo e Casaleggio avevano fatto sapere. "Il Pd sta mettendo in dubbio le buone intenzioni del Movimento 5 stelle al tavolo sulla legge elettorale. E’ chiaro a chiunque abbia seguito lo streaming che il M5S aveva 5 punti chiari mentre il Pd cercava di non dare alcuna risposta concreta e di temporeggiare. Renzi parla di una sconfessione dal blog che non c’è mai stata. Non esiste una linea Grillo/Casaleggio. Non esiste una linea Di Maio. Non esistono linee all’interno del movimento, se non quella dei cittadini”.