Home News Ripensare l’Europa a cinquant’anni di distanza

Ripensare l’Europa a cinquant’anni di distanza

0
2

Domani 25 marzo si celebra il 50° anniversario del Trattato di Roma, l’atto di fondazione delle Comunità Europee. Nonostante i tentativi da parte del governo italiano di avere a Roma l’evento principale, l’incontro informale dei 27 capi di governo degli stati membri si terrà a Berlino, come richiesto dalla presidenza di turno tedesca. Questo particolare delle imminenti celebrazioni inaugura forse una stagione nuova e un nuovo clima, in cui i governi nazionali intendano rilanciare il progetto europeo in modo più pragmatico. Forse è giunto il momento di guardare avanti verso le nuove sfide e di non sedersi più sugli allori dei notevoli  risultati fin qui ottenuti, ma ormai datati se confrontati con le sfide attuali e future. La sfida culturale in particolare, sebbene in sottofondo, appare quella di maggiore rilievo, in grado di formare le politiche future di maggior incidenza per i cittadini dei paesi dell’Unione.

In un recente incontro all’Istituto degli Studi di politica internazionale a Milano, l’Ambasciatore Renato Ruggiero parlando ad una platea di eurofili e federalisti ha illustrato quali difficoltà si presentassero all’incontro di Berlino. Ruggiero ha chiaramente spiegato come l’Unione Europea abbia concluso una sua fase storica con l’allargamento ai paesi dell’Europa centrale e orientale avvenuto nel 2004. Il secco “no” francese e olandese nei referendum sul Trattato costituzionale hanno fatto prendere definitivamente coscienza di questa realtà e iniziato quella che si può chiamare una fase di elaborazione del “lutto” nell’establishment di Bruxelles e delle cancellerie europee. Sebbene si sia dimostrato cauto, l’ambasciatore, al quale il Presidente del Consiglio Prodi ha affidato  il compito di essere il negoziatore  italiano nella ripresa dei lavori sul Trattato costituzionale,  mantiene inalterato il suo proverbiale europeismo. Al contrario degli euro-entusiasti, molti ritengono che la repentina perdita di un punto di riferimento importante quale  quello della “missione da compiere” di riunire l’Europa mette a rischio la base di legittimità stessa del progetto europeo. Sono anni che si parla di “gap democratico” nelle istituzioni dell’Unione e di derive elitarie ma tutto veniva  poi risolto dal valore storico e programmatico del grande progetto. Ma ora che con l’Allargamento  tutto è stato compiuto, qual è la nuova grande missione europea?

Sempre domani nel corso della riunione informale a Berlino verrà affrontato lo spinoso tema del futuro degli assetti istituzionali dell’organizzazione in una membership a 27, dove sostanzialmente vengano ridotte le possibilità da parte di uno Stato di imporre il proprio veto in molte materie, a cui il Trattato costituzionale attualmente in uno stato di limbo, ha cercato di dare risposta. Il “metodo Merkel”, ovvero l’approccio adottato dalla Presidenza tedesca per riportare in agenda alcune delle modifiche proposte ai trattati vigenti e contenute nel testo congelato del “trattato costituzionale” sembra abbia cominciato a dare i suoi frutti e già si sa che  verrà eliminato il termine “costituzionale” con la ricerca di una maggiore intesa di tipo politico a scapito di una visione prettamente giuridica dell’Europa e ridimensionando le pretese di chi sogna la nascita di un super stato europeo.

L’incontro di inizio marzo a Berlino del Consiglio Europeo invece ha affrontato numerosi temi dai quali è possibile scorgere quali siano i punti essenziali dell’operazione di rilancio. In primo luogo rafforzare il mercato unico e la cornice entro cui sviluppare innovazione, competitività e crescita, richiamando quindi l’applicazione integrale  dell’ “Agenda di Lisbona” che finora  è stata una macchia nera per l’UE data la lentezza della sua applicazione, ma ora  incoraggiata nuovamente dai risultati economici positivi dell’economia europea durante l’anno passato. In secondo luogo migliorare il quadro  della regolamentazione europea per favorire le imprese. Infine  l’elaborazione di una strategia della sicurezza energetica in combinazione con una decisa intenzione di ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 20 % entro il 2020. Tutte queste lodevoli iniziative sottolineano come la principale fonte di consenso dell’Unione Europea sia quello di riuscire a promuovere il mercato unico sostenendo la modernizzazione delle imprese e ampliando le garanzie dei consumatori. Un consenso fondato quindi sui risultati concreti e sull’utilità proveniente dalle proprie azioni.

Un modello europeo di società

I tentativi recenti di ricucire la distanza presente tra le istituzioni e le società europee in un opera che provocatoriamente si potrebbe definire di “nation building”, cerca appunto di “nazionalizzare” l’Unione Europea. L’apice di questo atteggiamento si trova nella definizione di “patria costituzionale” proposta da Jurgen Habermas che ha notevole pertinenza in un continente in cui le identità si mischiano e i confini sono sostituiti dai nuovi e più estesi  diritti di cittadinanza. Ma ai rapidi cambiamenti nella demografia hanno corrisposto sentimenti di auto-protezione e insofferenza tra le popolazioni native che hanno generato un risorgere della xenofobia di estrema destra in molti paesi europei. Ciò che però l’Unione Europea non sembra intenzionata ad affrontare è il riconoscimento e integrazione di quegli ideali di giustizia sociale e valori di solidarietà che rappresentano il tessuto vivente della civiltà europea. Agli inizi degli anni ’90 l’allora Presidente della Commissione Europea, Jacques Delors aveva inaugurato un “modello sociale europeo” in cui si cercava di rispondere a livello di welfare al bisogno di coordinamento delle politiche sociali dei membri e fornire una riposta in termini quantitativi alla necessità di garantire la coesione sociale europea.

La consapevolezza dell’apertura della nuova fase storica europea iniziata con l’allargamento del 2004 rende oggi necessaria la comprensione di quello che potrebbe venire ribattezzato “il problema sociale europeo”. Per dare una risposta alla questione Gerard Delanty, professore dell’Università di Liverpool, in un suo recente lavoro, tenta di definire le caratteristiche di un “modello europeo di società”. Si tratterebbe cioè di coltivare un identità cosmopolita all’interno delle società nazionali di modo che non sia l’Unione Europea a prendersi tutto l’onere, che del resto non le compete, di assumere le sembianze di una patria, ma in cui siano gli stessi Stati membri i veri protagonisti di questo processo di coesione culturale e politica. L’incontro di questa settimana a Berlino può porre le basi essenziali per iniziare questa nuova fase. Tuttavia non può venire nascosto il fatto che ciò di cui si tratta riguarda un’evoluzione che coinvolgerebbe più generazioni. Ma questa in sintesi sarebbe la possibilità storica di questo momento: trasformare l’Unione Europea da un’organizzazione pensata per servire più i governi che i cittadini ad uno spazio di condivisione di valori in cui le istituzioni europee e nazionali siano pienamente legittimate nelle loro funzioni e conformate ad un principio di equilibrio dei poteri. In definitiva la realizzazione di una Costituzione politica europea. 

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here