Roccella: “Ignazio Marino e i democratici vogliono scardinare la Legge 40”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Roccella: “Ignazio Marino e i democratici vogliono scardinare la Legge 40”

29 Gennaio 2013

"Il Partito Democratico,per bocca del senatore Ignazio Marino, conferma la netta volontà di riscrivere la legge sulla fecondazione assistita. Scardinare la legge 40, introducendo per esempio la fecondazione eterologa, vuol dire aprire al commercio dei gameti, in particolare di ovociti ma anche di uteri, e in generale allo sfruttamento del corpo delle donne; vuol dire anche non saper dare ai bambini la certezza sui chi siano i propri genitori, e aprire alla procreazione per le coppie omosessuali", lo afferma l’Onorevole Eugenia Roccella.

"Chiedo al senatore Marino se il Pd vuole introdurre la diagnosi preimpianto e quindi l’eugenetica, applicando un principio di disuguaglianza per i disabili che verrebbero scartati prima di nascere. Vorrei anche sapere se dopo il fallimento della ricerca sugli embrioni umani, si vogliono ancora creare embrioni appositamente perché vengano distrutti in laboratorio, senza nemmeno più la scusa della clonazione terapeutica".

"Tutto questo è tipico di una sinistra che ha ormai perso ogni vocazione per il sociale e che insegue i radicali sul terreno dei diritti individuali".