Home News Rogo Thyssen, continua la strage: muore il capo dei pompieri per malore

Rogo Thyssen, continua la strage: muore il capo dei pompieri per malore

0
1

E’ morto Giorgio Mazzini, capo del corpo dei Vigili del fuoco,  accasciatosi per un malore, mentre si trovava in tribunale, a Torino, per incontrare i magistrati che si occupano del rogo alla ThyssenKrupp.

E proprio in una stanza del palazzo di Giustizia del capoluogo piemontese Giorgio Mazzini, fra l’altro, anche vice capo del Dipartimento del Vicinale,  che si occupa di soccorso pubblico e difesa civile, è stato colto da un grave malore ed è morto a causa della rottura di un aneurisma che sanguinava da un paio di giorni. Aveva 67 anni, era spostato e aveva due figli. Sarebbe andato in pensione tra due mesi.

Il funzionario si è accasciato al suolo all'improvviso, senza nessuna avvisaglia precedente. Al momento del malore si trovava nell'ufficio dell'ispettore di polizia giudiziaria, Raimondo Romanazzi, uno dei più stretti collaboratori del pubblico ministero Raffaele Guariniello. Il colloquio era stato concordato nel quadro degli accertamenti sul rogo alla Thyssenkrupp dello scorso 6 dicembre.

I soccorsi a Mazzini sono stati immediati ma si sono rivelati inutili. I sanitari hanno tentato un massaggio cardiaco, ma senza esito. Sul posto, al quinto piano del palazzo, sono giunti subito dopo un medico legale per svolgere gli accertamenti di rito, il procuratore capo Marcello Maddalena e il procuratore generale Giancarlo Caselli che ha detto: “È stato un triste, tragico malore”.

Intanto un piccolo incidente si è verificato ai funerali di Giuseppe Demasi, l'ultimo dei 7 operai della ThyssenKrupp ad essere morto a causa del rogo. Mentre nella chiesa che sorge nell’ex area delle ferriere di Torino, si celebrava la cerimonia funebre, all’esterno c’è stato qualche momento di tensione quando i colleghi di Demasi si sono scagliati contro la corona di fiori inviata dalla ThyssenKrupp scaraventandola per terra.

E proprio alla ThyssenKrupp si è rivolto il ministro del Lavoro Cesare Damiano, al termine del rito funebre. “Dirò ai rappresentanti della ThyssenKrupp che hanno sbagliato, soprattutto all’inizio quando c’e’ stato un silenzio che è stato letto come una sorta di indifferenza, e gli dirò di guardare al futuro di questi lavoratori. La ThyssenKrupp - ha annunciato Damiano - mi ha chiesto un incontro, che le è stato concesso. C’è bisogno che l’azienda recuperi. Il governo si sta muovendo, sta facendo delle leggi, ma non è sufficiente se nelle imprese non c’è la cultura della sicurezza e della prevenzione”.

Ma la strage della ThyssenKrupp sembra essere accompagnata da sempre nuovi lutti. È morta infatti anche la madre dell'unico operaio sopravvissuto al rogo dell'acciaieria , Antonio Boccuzzi, la cui foto con la fronte bruciata ha fatto il giro del mondo. È un dolore che si aggiunge ad altro dolore quello che circonda il tragico incidente dell'acciaieria torinese.

“È un dolore senza fine, speriamo che il 2008 ci aiuti a tirare su la testa», commenta sconsolato Ciro Argentino, delegato Fiom della ThyssenKrupp. La madre di Boccuzzi, era malata da tempo, ma la sua morte proprio in questo momento ha sconvolto Boccuzzi. “Come sta? È facile immaginarlo - dice il suo collega di lavoro - lui era molto legato alla madre”.

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here