Saccomanni bacchetta gli euroscettici ma vede “larghe intese” su Imu

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Saccomanni bacchetta gli euroscettici ma vede “larghe intese” su Imu

09 Giugno 2013

Il ministro dell’Economia Saccomanni partecipa al forum della "Repubblica delle Idee" a Palazzo Vecchio di Firenze e bacchetta gli euroscettici, un messaggio che in molti interpretano come una critica neppure troppo velata alle dichiarazioni anti-austerity dell’ex premier Berlusconi. "Molti degli euroscettici hanno avuto il loro tempo per fare un braccio di ferro con Angela Merkel, evidentemente non gli è riuscito tanto bene. Negli ultimi 30 anni l’economia italiana ha avuto due droghe: la svalutazione e la spesa pubblica. Ora la droga del cambio non si può usare più e abbiamo limiti per la spesa pubblica. Le regole europee dicono ‘fate quello che vi pare, purché i conti siano in ordine’. Chi è avvezzo alla droga ne sente la mancanza, ma non per questo si deve continuare".

Saccomanni ha definito la recessione in corso in Europa una crisi "più difficile e complessa da gestire" di quella del ’29 in America, "Abbiamo forse ritenuto un po’ frettolosamente che bastasse non ripetere gli errori che i reggitori della politica economica fecero nel ’29-’30 perché questa crisi fosse superata rapidamente", aggiunge. Saccomanni non lesina critiche: "la stasi politica ha pesato. Dall’esecutivo misure per superare lo stallo", una battuta che chiama in causa i partiti e le contraddizioni che hanno portato alla formazione del governo guidato da Enrico Letta.

Sui piani per l’economia, la ricetta di Saccomanni può essere riassunta così: "Vogliamo ridurre le tasse sulle aziende e sul lavoro cercando di trovare finanziamenti tagliando le spese, riducendo sussidi e togliendo incentivi creati in modo troppo generoso in passato". Primo step, il taglio al cuneo fiscale: "Gli annunci fatti dal Governo vanno nel verso della riduzione della tassazione sul lavoro e sulle imprese per ridare fiato ai settori produttivi. È un obiettivo primario che contiamo di portare avanti nel medio termine". Saccomanni difende anche l’operato della Bce e di Draghi, che ha lavorato per una "riduzione del danno". Da poche settimane, sostiene Saccomanni, "abbiamo iniziato a prendere un certo numero di misure, tutte nel senso di superare la stagnazione avuta in questo periodo. Penso che le misure che abbiamo preso faciliteranno il ritorno a una prospettiva di crescita".

Imu? "Stiamo cercando larghe intese".