Home News Sacconi: “Allarme licenziamenti sollecita terapia d’urto”

Le otto proposte del Pdl

Sacconi: “Allarme licenziamenti sollecita terapia d’urto”

1
45

"I dati forniti dal sistema del Ministero del Lavoro che registra gli avviamenti e le cessazioni dei rapporti di lavoro nel 2012 confermano il crescente rattrappimento  del mercato del lavoro in Italia, determinato non solo dalla caduta dei consumi interni e dalla crisi di liquidità ma anche da regole troppo rigide e da un costo troppo elevato degli oneri fiscali e contributivi", lo dice il senatore del Pdl Maurizio Sacconi.

"Per questa ragione, tra le otto proposte annunciate da Berlusconi vi saranno misure urgenti per l'occupazione con riferimento alla detassazione dei primi contratti permanenti dei giovani e di una quota più ampia dei salari connessa ad incrementi di produttività e con riferimento alla necessaria deregolazione della legge Fornero".

"Il nuovo Governo - conclude Sacconi - dovrà inoltre rapidamente verificare le risorse disponibili per le Casse in deroga ed analizzare lo stato di attuazione della riforma previdenziale alla luce delle esigenze di tutela degli esodati e di tutti quei lavoratori anziani che rischiano condizioni di povertà per assenza di reddito e di pensione".

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Allarme, sì ma molto più pericoloso!
    L’allarme sul solo piano economico può far perdere di vista l’attacco frontale che il laicismo militante vuole sferrare contro l’altra visione del mondo, di tipo tradizionale secondo le leggi di natura. (La crisi economica nè un aspetto e sarebbe un errore separarla dalla visione globale mondana e antitetica a quella cristiana).
    Torno a dire che la vera posta in gioco è il settennato di un presidente alla Emma Bonino oppure un presidente rispettoso e garante della civiltà occidentale, costruita sul diritto naturale (il monachesimo e tutta la storia medievale è il processo luminoso di civilizzazione dell’Europa).
    Il partito d’azione, che è trasversale agli schieramenti, anche se si concentra di più a sinistra, perde le elezioni e vince la scommessa culturale.
    Non abbiamo bisogno di Emma Boninoe delle sue prese di posizioni liberticide contro verità e buonsenso! La sua fama di onestà non è sufficiente. Bollino rosso! Ecco il vero allarme!

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here