Sacconi: “Ora accordo Alfano-Renzi su Sindaco d’Italia e riforma del lavoro”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sacconi: “Ora accordo Alfano-Renzi su Sindaco d’Italia e riforma del lavoro”

09 Dicembre 2013

Secondo il Presidente dei senatori del Nuovo Centrodestra, Maurizio Sacconi: "La necessità di una riforma della legge elettorale può e deve determinare l’ambizione del governo di transizione di cambiare il nostro assetto istituzionale secondo il modello del "sindaco d’Italia" ovvero di una figura istituzionale forte perché eletta direttamente con modalità analoghe a quelle municipali e perché dotata di poteri di governo". "Il 2014," prosegue Sacconi, "deve essere tuttavia riempito anche di interventi urgenti in funzione della maggiore occupazione. Da un lato collegando la spending review alla riduzione del cuneo fiscale e dall’altro riregolando il lavoro in termini di forte semplificazione e di incoraggiamento della propensione ad assumere. Sono tutte tesi comuni ad Alfano e a Renzi che potrebbero diventare atti di governo".