Home News Sacconi: “Tutto il catalogo del nichilismo nell’agenda della sinistra”

Pensiero debole a go go

Sacconi: “Tutto il catalogo del nichilismo nell’agenda della sinistra”

3
2

"Si profila una legislatura conflittuale sui principi fondativi della nazione. La sinistra ormai esplicitamente vuole mettere in discussione l'unicità del matrimonio, l'adozione su base genitoriale naturale, i limiti naturali della procreazione assistita, il confine tra la vita e la morte. Tutto il catalogo nichilista sarà nell'agenda di un eventuale governo della sinistra. Di fronte a questa prospettiva, il centro si profila dal ventre molle e dal pensiero debole", lo dice il senatore Maurizio Sacconi.

"Solo il Pdl, come testimonia il suo inequivoco programma, è portatore di un pensiero forte e chiaro, che sostiene politiche di tutela della vita, della famiglia naturale, della libertà educativa. Ed è evidente che il matrimonio gay va ben oltre alcune pur condivisibili esigenze di regolazione civilistica di tutte le relazioni affettive  per diventare la prima breccia di un percorso rivolto a sradicare l’Italia da quei valori della tradizione che si rivelano ancor più utili nella emergenza antropologica del nostro tempo".

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. Questo tema ha un problema
    Questo tema ha un problema di fondo. Va rispettata la libera scelta dei cattolici, ma altrettanto va fatto con chi cattolico non è affatto, o è anticattolico. Dunque, che la Chiesa continui a celebrare matrimoni tra uomini e donne, ma non interferisca sullo Stato Laico che può consentire di equiparare il contratto matrimoniale tra persone dello stesso sesso a quello di persone di sesso opposto. E’ un contratto, ed è una questione di diritti, non è una questione di Trascendente e di Tradizione, perché in tal campo nessuno può inferire alcunchè di oggettivo ed universale, e comunque, se si sceglie un principio, dovrebbe essere quello del rispetto delle libertà individuali. Si guardi a Francia, Inghilterra, Belgio, Olanda, Spagna, persino Portogallo (e solo per restare in Europa!!!)… Altrimenti andiamo a vivere in Iran…

  2. No al pensiero unico
    La questione qui sollevata da Sacconi e già più volte proposta sull’Occidentale dallo stesso Sacconi e da altri, come Roccella e Formicola, attiene ad un tema di grandissimo interesse ma che, a mio avviso, deve rimanere fuori dagli indirizzi programmatici di un singolo partito, il cui compito è proporre gli strumenti e le modalità che ritiene più adeguati per il governo di un Paese.
    Da liberale convinto, non riesco a capire perchè si voglia imporre un pensiero unico, anche e ancor più se questo corrisponde al mio personale modo di concepire la vita. Caro Sacconi, non è questione di destra o di sinistra e tanto meno di principi fondativi della nazione. Non crede che ad ogni individuo, di fronte a certe problematiche, debba essere garantita la massima libertà di pensiero?

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here