Schettino, Bild parla di love story con la giornalista Abate

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Schettino, Bild parla di love story con la giornalista Abate

12 Novembre 2013

L’ex capitano della Costa Concordia Francesco Schettino, dopo Domnica Cemortna ora, secondo il giornale tedesco Bild, avrebbe una relazione con la giornalista di Porta a Porta Vittoriana Abate. I due sono stati fotografati a bordo di una vespa insieme e mentre entrano nell’appartamento della giornalista Rai, in zona Parioli, con alcune buste della spesa. Ma da parte della donna è giunta subito la smentita attraverso il suo avvocato: “Seguo il processo Concordia dall’inizio e, ormai da tempo, sto scrivendo un libro, raccogliendo i racconti e le memorie di Schettino: questo il motivo dei nostri contatti. L’ultima volta l’ho intervistato sabato a Roma per la puntata di domenica del L’Arena”. Il paparazzo che ha fornito le foto al giornale tedesco però sostiene che i due “hanno trascorso quattro notti insieme, lui è andato e venuto più volte con valigie e borse varie. Secondo me potrebbe essersi addirittura trasferito da lei”. La Abate invece riguardo le foto sostiene: “Sono andata col motorino nello studio dell’avvocato, non ci sono né effusioni né atteggiamenti ambigui. Sono una giornalista, incontro i miei interlocutori, ma smentisco qualsiasi tipo di relazione sentimentale o personale con Schettino. Non c’è nessuna possibilità di dimostrare cose assurde come quelle che ho letto. La nostra relazione è puramente professionale ed è legata alla stesura del libro”. Anche il comandante, tramite i suoi avvocati, smentisce seccamente la ricostruzione del tabloid tedesco. “Gli articoli contestati recano informazioni diffamatorie, gravemente lesive della personalità e dei diritti dei soggetti coinvolti”.