Scuola, frizioni tra ministri su scatto insegnanti. Letta chiude polemiche

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Scuola, frizioni tra ministri su scatto insegnanti. Letta chiude polemiche

09 Gennaio 2014

La vicenda del ripensamento del governo sui 150 euro che gli insegnanti avrebbero dovuto restituire crea delle frizioni tra i ministri Saccomanni e Carrozza, economia e istruzione. Per Carrozza è stato "un pasticcio", mentre il ministro Saccomanni parla di un "problema di comunicazione", il ministero dell’economia avrebbe seguito infatti sulla sua strada in attesa di informazioni dal Miur che non sono arrivate. A chiudere la vicenda ci ha pensato con un Twitter il premier Letta, "Gli insegnanti non dovranno restituire i 150 euro percepiti nel 2013 derivanti dalla questione del blocco degli scatti". La decisione è stata presa dal Governo in una riunione a Palazzo Chigi, dopo le proteste compatte del mondo docente  e del sindacato Gilda contro gli effetti della la misura che avrebbe portato a una ritenuta dei soldi già versati agli insegnanti. L’incontro chiarificatore avvenuto tra il premier Letta, il ministro della economia, Saccomanni e il ministro dell’istruzione Carrozza, insomma, sembra aver risolto la faccenda.