Il caso di San Miniato

Se fare il consigliere comunale (di centrodestra) a 18 anni significa essere “razzisti”

4
1004

Succede in Toscana, dove il profondo rosso non ha voglia di rinunciare alle intimidazioni: Matilde Barberi, anni 18, appena eletta nel consiglio comunale di Montaione (FI) in una lista civica appoggiata da tutti i partiti del centrodestra, va a San Miniato (PI) per sostenere l’esame di maturità al liceo Marconi ed è accolta da una serie di grosse scritte sui muri della scuola, del genere “Leghista razzista, San Miniato non ti vuole”, e simili.

Per la verità Matilde non è stata eletta in una lista leghista, come gli autori delle scritte hanno affermato, e come i giornali hanno grossolanamente riferito, bensì nella lista “Montaione nel cuore”. Questo particolare, che è dovuto per amore di precisione, ovviamente non è rilevante per il giudizio sulla qualità del gesto perpetrato contro una ragazza per bene che si sta dando da fare per il suo paese collocandosi in una prospettiva di centrodestra.

Evidentemente certi antichi vizi, oggi coltivati e blanditi dalla retorica dell’antifascismo militante in servizio permanente, manifestano una spiacevole persistenza e non si fermano neppure davanti all’età e – soprattutto- al momento delicato e fragile di chi deve sostenere un esame notoriamente stressante.

Matilde, con il sostegno del suo combattivo capogruppo Leonardo Rossi, non si è data per vinta, e insieme hanno denunciato l’aggressione non solo per vie giudiziarie, ma dandole ampio risalto sui social.

E così, mentre immediatamente i sindaci di San Miniato Giglioli e quello di Montaione Pomponi, ambedue PD, hanno espresso la loro solidarietà alla ragazza, la vicenda è rimbalzata nelle cronache nazionali, provocando gli interventi degli esponenti dei partiti di centrodestra.

I giovani protagonisti di Montaione nel cuore non la vogliono finire qui, e vogliono cogliere l’occasione per andare fino in fondo e per far sì che gli autori siano perseguiti penalmente, ma anche per stimolare una riflessione generale sul diritto di parola e di espressione pubblica di opinioni politiche, che in qualche modo ancora oggi continuano ad essere intimidite, quando non sono allineate con il mainstream dell’onda rossa.

  •  
  •  

4 COMMENTS

  1. Mi piace questo articolo. Mi piace e mi diverte, come quando in TV fanno vedere un tizio che si tuffa in una piscina vuota. Tamburrini, dov’è la notizia?? Hanno fatto una scritta contro una ragazzina consigliere comunale a Montaione dicendole che è leghista e razzista. In suo soccorso e solidarietà sono arrivati i sindaci del PD. E allora? Per non dire dell’ultima parte dell’articolo dove si parla del mainstream dell’onda rossa che verrebbe a reprimere il diritto di parola di Matilde Barbieri. Ma perché questi del mainstream ce l’hanno con Montaione e con la lista “Montaione nel cuore”? Come sarebbe perché?! Perché sono di San Miniato. 20 chilometri che segnano due civiltà e due razze, quella montaionese e quella miniatese o mignottese (come si dice?) Onda rossa? Prima di tutto Honda si scrive con l’acca e poi rossa è la Ferrari.

  2. Ammazza un vero COMICO! Che uomo intelligente! Claudio baleani(o balenotteri, come si scrive) sei pronto per andare a zelig

  3. Pensare di sbarazzarsi per sempre dei fascisti rossi è utopico: è quasi più facile pensare di risolvere il problema della spazzatura a Roma.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here