Se la mamma si chiama Giuseppe

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Se la mamma si chiama Giuseppe

10 Settembre 2015

Sulle unioni civili in Commissione Giustizia al Senato succede di tutto, tranne mostrare un po’ di buon senso. E anche oggi la Commissione non si è smentita.

 

Oggi i senatori di Pd e M5s hanno strenuamente difeso la possibilità per una persona di cambiare il proprio sesso, a piacimento, in base all’autopercezione. Cosa significa, in parole povere? Che ci si può registrare all’anagrafe come maschio anche mantenendo i propri organi sessuali e riproduttivi femminili, quindi mantenendo la possibilità di essere madre. E viceversa si può essere padre ma risultare all’anagrafe come donna a tutti gli effetti.

 

Cosa è successo. Durante i lavori della Commissione, i senatori di Area popolare hanno presentato un emendamento in cui, facendo esplicito riferimento a una recente sentenza della Cassazione (in base alla quale viene consentita la modifica del sesso all’anagrafe anche in assenza di un intervento chirurgico specifico) si afferma che il sesso di una persona è definito in base all’ordinamento vigente e non a un’iscrizione all’anagrafe che può essere dettata da una libera scelta, modificabile sulla carta anche più volte nel corso della vita. La proposta di modifica viene appoggiata anche da una parte dei senatori Fi, ma dopo un acceso dibattito viene respinta con i voti di Pd e M5S.

 

"La nostra proposta è stata bocciata perché i gruppi Pd e M5s hanno difeso la sentenza della Cassazione e la conseguente possibilità di cambiare sesso più volte nell’arco di vita secondo la mera volontà della persona”, spiegano in una nota i senatori di AP Gabriele Albertini, Carlo Giovanardi e Maurizio Sacconi.“Si tratta  – continuano – di una pericolosa conferma della natura ideologica del ddl Cirinnà che, come temevamo, mette in discussione le basi antropologiche della società rendendole instabili con conseguenze imprevedibili.”

 

Ma il problema più grave è quello degli eventuali figli: è nel “miglior interesse del bambino”, che a parole viene difeso da tutti, che un padre sia in realtà una donna o che una mamma che partorisce e allatta si chiami Giuseppe?