Se Pannella fa tintinnare le manette

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Se Pannella fa tintinnare le manette

17 Gennaio 2009

Mette una certa melanconia vedere i radicali cincischiare con le procure qua e là per l’Italia. Vedere Marco Pannella e i suoi avvocati in trepida attesa che aprano i cancelli dei palazzi di giustizia per depositare esposti e denunce contro questo o quello.

Gli stessi radicali, liberisti, liberali e garantisti che seppero assestare alcuni dei colpi più micidiali alla magistratura politicizzata e politicante, oggi sono lì a trascinare politica e politici in procura. Fa impressione sentire ogni mattina Marco Pannela a Radio Radicale che sciornina codici e pandette, minaccia anni di galera ai presidenti delle Camere per la vicenda Villari o al ministro Sacconi per quella di Eluana Englaro.

Mette tristezza che persino la politica radicale, sempre così piena di risorse e di inventiva, così spregiudicata e imprevedibile si sia messa sulla stessa traccia dei tanti che fanno politica con le procure e  con le galere. Proprio quando persino Di Pietro comincia dubitare che la cosa convenga davvero, ecco che Pannella e i suoi prendono il testimone.

La differenza è grande: una volta i radicali andavano in galera per le loro idee oggi ci mandano gli altri.