Shalabayeva la conosciamo ma chi è Olga, l’amica di Ablyazov?

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Shalabayeva la conosciamo ma chi è Olga, l’amica di Ablyazov?

04 Agosto 2013

di Ronin

Tra le tante cose dette ieri da Alma Shalabayeva, dalla brutalità delle forze dell’ordine italiane alla presunta contraffazione del suo passaporto centrafricano, ne manca una. Raggiunta dai parlamentari M5S in Kazakistan (Di Battista, Del Grosso, Di Stefano, Scagliusi e Sibilia) la signora Shalabayeva ha tenuto a dipingere un quadretto amorevole della famiglia Ablyazov, che sarebbe stato distrutto dalla protervia dei Digos e dalla spietatezza del governo italiano. Eppure l’oligarca Ablyazov ha lasciato moglie e figlia sole a Casalpalocco, non è ancora chiaro se sfuggendo poche ore prima al blitz delle forze dell’ordine italiane, avvertite da chissà chi. Oppure si trovava già in Francia prima dell’arresto condotto dalle forze speciali in Costa Azzurra. Fatto sta che si è scoperto che Ablyazov si accompagnava ad una "glamorous" bionda ucraina, tale Olena Tischenko, che lo avrebbe favorito nel lasciare la Gran Bretagna dopo aver perso la copertura degli inglesi. La donna, considerata una "stretta amica" dell’oligarca, ex moglie di un miliardario ucraino, avrebbe raggiunto Ablyazov nel lussuoso hotel Villa Nettuno di Miramar in Costa Azzurra prima dell’arresto. Secondo La Stampa, che cita fonti inglesi, dopo l’arrivo della donna nell’albergo, "Ablyazov sarebbe stato visto, seminudo, alla finestra della villa mentre chiude le tende". In seguito, la donna, che intanto era volata a Mosca, torna in Francia e raggiunge di nuovo Ablyazov che intanto aveva cambiato residenza. Ma proprio gli spostamenti di Olga avrebbero alla fine condotto alla scoperta del luogo dove si nascondeva Ablyazov. Sempre secondo La Stampa, "la relazione della donna con Ablyazov non è meglio specificata".