Sicurezza: eurodeputata rom difende le norme italiane sull’immigrazione

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sicurezza: eurodeputata rom difende le norme italiane sull’immigrazione

29 Luglio 2008

Tiene banco la questione immigrati in Italia.

L’eurodeputata ungherese rom Livia Jaroka, del gruppo Ppe, ha difeso il censimento dei rom in Italia con la raccolta delle impronte digitali.

"Capisco le buone intenzioni da parte del governo – ha affermato l’eurodeputata Jaroka – secondo cui la raccolta delle impronte digitali e’ necessaria in quanto parte di uno sforzo piu’ ampio per dare una cittadinanza a quei bambini e immigrati che non hanno assolutamente alcun documento. Ma l’integrazione – ha concluso Jaroka –  potra’ realizzarsi soltanto con l’offerta di posti di lavoro."