Singapore: Usa concedono asilo a blogger anti-governativo

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Singapore: Usa concedono asilo a blogger anti-governativo

25 Marzo 2017

Un giudice statunitense ha concesso ieri l’asilo politico ad Amos Yee, un blogger 18enne di Singapore che negli ultimi due anni è stato incarcerato per un totale di 53 giorni dopo aver aspramente criticato Lee Kuan Yew, il “padre della patria” della città-stato morto nel 2015 e venerato a Singapore.

Lo rende noto uno degli avvocati del giovane. Yee, che era detenuto dalle autorità dell’immigrazione a Chicago dallo scorso dicembre, aveva fatto richiesta di asilo al suo arrivo negli Usa. Secondo il giudice Samuel Cole, “Yee è stato perseguito per le sue opinioni politiche e ha una paura ben fondata di future persecuzioni a Singapore”.

Il caso di Yee – che aveva anche criticato diverse comunità religiose – aveva fatto discutere perché mostrava i limiti della libertà di espressione a Singapore, un Paese dal reddito pro capite tra i più alti al mondo e con una struttura all’apparenza democratica, ma dove il Partito di azione popolare (Pap) fondato da Lee Kuan Yew è al potere fin dall’indipendenza negli anni Sessanta. Il premier, adesso, è Lee Hsien Loong, figlio del padre della patria.