Siria, dopo Dossier Onu gli Usa, Gb, Francia e Turchia pronti all’azione

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Siria, dopo Dossier Onu gli Usa, Gb, Francia e Turchia pronti all’azione

17 Settembre 2013

Usa, Francia e Gran Bretagna non hanno "nessun dubbio" su cui sia stato l’autore della strage avvenuta in Siria il 21 agosto scorso con utilizzo di gas sarin. Il dossier Onu aggiunge "ulteriori prove" a quello che i Paesi interventisti avevano già detto nelle scorse settimane, mentre il consigliere per la sicurezza nazionale americana, Susan Rice, ha spiegato che solo Assad poteva "montare un attacco genere". Secondo il ministro degli esteri inglese, Hague, "E’ chiara la responsabilità di Assad". Mentre per il ministro degli esteri francese, Fabius, ”La quantità di sarin usata, i vettori, le tecniche di questi attacchi, così come altri aspetti, sono tutti elementi che non sembrano lasciare dubbi sul fatto che dietro vi sia il regime”. Ricordiamo che i tre Paesi interventisti sono pronti a sposare una risoluzione in Consiglio di Sicurezza che approvi l’uso della forza se Assad non manterrà gli impegni presi nell’accordo Kerry-Lavrov e cioè dichiarare dove sono le armi chimiche e distruggerle. Anche la Turchia fa sapere che "La qualità e il metodo nell’uso di sostanze chimiche riportato dal rapporto Onu provano senza lasciare spazio a dubbi che la responsabilità di questa azione barbara è del regime".