Home News Siria: ecco le prove dei traffici nucleari di Assad

Siria: ecco le prove dei traffici nucleari di Assad

1
2

Prima non ci credeva nessuno. Che la Siria potesse avere contrabbandato tecnologia nucleare e materiale radioattivo dalla Corea del Nord. Adesso persino il capo degli "watchdog" (ispettori) dell'Aiea, Mohammed El Baradei, chiede a Israele e Stati Uniti le foto dello stabilimento di Al Tibnah bombardato all'alba dello scorso 6 settembre dai jet israeliani.

Pochi però sanno che israeliani e statunitensi, oltre alle foto satellitari, possiedono le prove del coinvolgimento del rais siriano Bashar Al Assad in tutta la vicenda. Prove documentali acquisite monitorando il mercato dei cereali tra Siria e Nord Corea. Infatti, da tempo, quasi tutte le grandi transazioni economiche che si svolgono sui mercati mondiali vengono analizzate dagli occhi assai attenti dei servizi di sicurezza americani e israeliani. Non si tratta solo di scoprire i finanziatori del terrorismo e del jihad, ma anche, come nel caso della Siria, di prevenire nuove acquisizioni di tecnologia nucleare comprate da paesi come la Corea del Nord.

E proprio monitorando gli scambi commerciali in grano tra i due paesi, che George W. Bush a suo tempo inser%C3

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Al Tibnah è una località
    Al Tibnah è una località inesistente.
    Non esiste nessun luogo sulla terra che abbia questo o simili altri nomi.
    Per quello che riguarda il nucleare…sembreranno dscorsi da fermata del bus,ma non mi sembra giusto che stati terzi violino lo spazio aereo della siria per radere al suolo un “ipotetico ” reattore ..poi..perchè non possono costruire o sfruttare l energia atomica?la risposta c’è:
    perchè senza energia dovranno chiedere aiuto agli stati vicini filoamericani,e dipendere così,dagli stati uniti.
    Informatevi prima di scrivere notizie.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here