Home News Sismi. Jannuzzi (FI): Ho spiato quattro magistrati

Sismi. Jannuzzi (FI): Ho spiato quattro magistrati

0
54

“Confesso che ho spiato quattro magistrati”. È quanto scrive Jannuzzi, senatore di Forza Italia, su Panorama.

 I magistrati finiti sotto osservazione da parte del senatore sono: “Ilda Boccassini, il pm che sostenne l'accusa nel processo contro Silvio Berlusconi e Cesare Previti; Carla Del Ponte, il magistrato svizzero che trafficava in rogatorie con i pm del pool di Milano; Elena Paciotti, il membro del Csm che votò contro la candidatura di Giovanni Falcone alla direzione antimafia; e Carlos Castresana, il procuratore anticorruzione di Madrid”. Jannuzzi dichiara di aver scoperto che “i quattro magistrati si erano riuniti a Lugano per scambiarsi le informazioni e concertare meglio l'azione giudiziaria comune contro Berlusconi”.

“Lo scrissi per Panorama, l'articolo fece sensazione e fu rilanciato dal Giornale e dal resto della stampa, e fu ripreso dalla radio e dalla televisione. Le tre magistrate italiane - spiega Jannuzzi - querelarono e vinsero la causa per diffamazione contro i giornali (io fui dichiarato 'insindacabile' dal Senato, sono tuttavia perseguito ancora per via civile dalle tre vergini violate). Il magistrato spagnolo, saggio e spiritoso, se la cavò con una battuta e non querelò né me né i giornali”.

Ancora, prosegue: “a sei anni di distanza da quel mio articolo alcuni sprovveduti, giornalisti e magistrati, hanno trovato nelle carte sequestrate un anno fa nell'ufficio di Pio Pompa, e dopo averle consultate per un anno intero (come mai gli ci e' voluto tanto tempo?), tracce di questa storia e hanno gridato allo scandalo: ecco la prova (l'unica prova che hanno trovato) che il Sismi, il servizio segreto militare, spiava per conto di Berlusconi, all'epoca capo del governo, i magistrati che indagavano su di lui. È falso, più falso di quell'incontro di Lugano, se veramente non ci fu”.

Secondo il senatore di Forza Italia, “Pio Pompa e il Sismi in questa storia non c'entrano per niente, non hanno fatto altro, come quasi sempre hanno fatto e fanno i servizi segreti, che ritagliare e collezionare le notizie pubblicate dai giornali o che viaggiano su Internet. Tutto il presunto archivio di Pompa e del Sismi è fatto così, è composto di ritagli di giornali o di file di Internet. La spazzatura, quando come spesso accade,si tratta di spazzatura, non è dei servizi segreti, ma è nostra, di noi giornalisti. Tanto per amore della verità”.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here