Space2 porta Avio in borsa. Ecco i numeri dell’operazione

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Space2 porta Avio in borsa. Ecco i numeri dell’operazione

20 Ottobre 2016

Come anticipato Leonardo-Finmeccanica  sale dal 14% al 28% di Avio rilevando le quote da Cinven, che esce dalla società. E, assieme a Space2, una Spac (Special purpose acquisition company) quotata sul segmento Miv di Borsa Italiana che vede fra i fondatori Sergio Erede e Gianni Mion, porta Avio a Piazza Affari. L’operazione dovrebbe essere ultimata entro il primo trimestre 2017.

Avio è leader europeo nelle tecnologie del trasporto nello spazio, con grandi capacità nella propulsione per lanciatori spaziali e nei lanciatori completi (Vega). Con sede a Colleferro (Roma) è presente in Italia, Francia, Guyana Francese con 5 insediamenti. Nel 2015 ha prodotto ricavi per 280 milioni di euro, in crescita del 24% sul 2014 (224 milioni di euro). Già in precedenza, nel 2011, la società aveva fatto domanda di quotazione in borsa.

Leonardo prevede di investire nell’operazione 43 milioni di euro. Avio riceverà una dotazione aggiuntiva di cassa per 66 milioni di euro destinata al finanziamento dei piani di sviluppo. Leonardo e Space2  rilevano, assieme, l’85,68% di Avio. La società dello spazio fino ad oggi è detenuta per il 56,02% da una serie di fondi di private equity gestiti da Cinven Limited, per il 25,13% da investitori istituzionali i cui diritti di voto sono esercitati secondo istruzioni di Cinven, per il 14,32% da Leonardo e per il 4,53% (è socio in Avio dal 2003) da Viasimo Sarl (veicolo partecipato da manager di Avio).

La fusione prevede l’acquisizione da parte di Space2  , di Leonardo e di alcuni manager di Avio, tramite un veicolo già costituito (In Orbit Spa), dell’intero capitale di Avio a oggi non detenuto da Leonardo, pari all’85,68%, a fronte del pagamento di 137 milioni di euro sulla base di una valutazione del 100% del capitale sociale di Avio pari a 160 milioni.

“La Business Combination con Avio è motivo di assoluta soddisfazione per Space2″, ha commentato Gianni Mion, presidente di Space2. “Dopo il grande successo di Space con FILA, siamo orgogliosi di portare ai nostri investitori un altro, vero gioiello italiano, leader in un settore dove la nostra tecnologia si afferma a livello mondiale per la sua eccellenza. Lo facciamo convinti di una partnership solida con il management di Avio e con Leonardo, gruppo leader nel mondo dell’Aerospazio, Difesa e Sicurezza. Crediamo decisamente nelle tante, significative opportunità di crescita che con tale assetto Avio quotata potrà cogliere negli anni a venire”, ha concluso Gianni Mion. “Grazie alla combinazione con Space2, Avio si quota in Borsa, da tempo obiettivo prioritario e strategico per la nostra azienda – afferma Giulio Ranzo, amministratore delegato di Avio. “Accelereremo ora i nostri piani di sviluppo sfruttando ancor di più la riconosciuta qualità delle nostre tecnologie nel mondo, anche grazie ad una rinnovata relazione con Leonardo, nostro socio da tempo. Insieme, siamo felici di poterci confrontare con il mercato e con i nostri nuovi investitori e condividere le grandi opportunità che abbiamo dinanzi a noi”, ha concluso Giulio Ranzo.