Spagna. Ad amministrative debutto primo partito musulmano

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Spagna. Ad amministrative debutto primo partito musulmano

11 Novembre 2009

Sono le elezioni amministrative in programma per il 2011 il primo obiettivo del Partito Rinascimento e Unione di Spagna (Prune), il primo partito islamico della monarchia iberica. Fondato da Mustaf Barrach, noto giornalista marocchino e professore di arabo a Granada, il partito, secondo il quotidiano conservatore ABC, mira a raccogliere non solo i voti dei quasi 1.300.000 musulmani residenti in Spagna, ma anche quelli degli immigrati, che complessivamente rappresentano il 10 per cento della popolazione spagnola.

A prescindere dalle immediate ambizioni locali per il voto del 2011, il Prune si propone con una vocazione nazionale e considera l’Islam come base della sua attività politica, in quanto fattore determinante per la rinascita morale ed etica della società spagnola. Altro principio cardine, per tenere a bada le critiche dei più scettici, è il suo rispetto per la Costituzione e il rifiuto del terrorismo.

La formazione ha la sua sede principale a Granada, ma ne ha inaugurata una nuova nelle Asturie, nel nord-ovest della Spagna. Andalusia, Madrid, Catalogna, Estremadura, Valenzia e Murcia sono le comunità dove spera di radicarsi, vista la maggiore presenza di immigrati musulmani, ma anche di spagnoli convertiti all’Islam. Il Prune non aspira realisticamente alla conquista di Comuni, ma ad ottenere una discreta rappresentanza di consiglieri. Secondo ABC, l’establishment politico spagnolo non nasconde una certa preoccupazione, visto il crescente numero di musulmani residenti nel paese.