Sulle intercettazioni si decide a settembre

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sulle intercettazioni si decide a settembre

01 Agosto 2007

“Mi sembra evidente che la decisione sarà presa a settembre”.E’ quanto ha dichiarato Carlo Giovanardi, presidente della giunta per le
autorizzazioni a procedere, al termine della riunione odierna sulla richiesta
del gip di Milano di usare le intercettazioni sulle scalate bancarie e le
telefonate di Fassino, D’Alema e Cicu.

E ha aggiunto: “Più che un rinvio è una presa d’atto del
blocco dei lavori parlamentari. Prendo atto dell’orientamento della Giunta: in
democrazia si fa così. Usiamo tutto il tempo a disposizione domani andremo
avanti con gli interventi ma mi sembra evidente che il parere sarà rimandato a
settembre”.

Intanto Elias Vacca (Prc) così commenta la decisione: “Il
tempo strettamente necessario per il dibattito a questo punto richiederebbe 12
ore. Non è che relatori e presidente non vogliono chiudere ma che non si può
strozzare la discussione. La sensazione, quindi, è che sia difficile chiudere
entro domani, oltretutto considerando gli impegni d’aula”.

Polemico Ignazio La Russa, presidente dei deputati di An: “Sorprende
questa disparità di velocità tra la vicenda Previti e quella delle
intercettazioni”.