Home News Sullo scacchiere iracheno si gioca la partita con Teheran

Sullo scacchiere iracheno si gioca la partita con Teheran

0
85

In seguito a una conferenza tenutasi presso l’università di Haifa lo scorso marzo, l’American Enterprise Institute (Aei) ha pubblicato qualche giorno fa lo studio sulla politica e sugli interessi iraniani in Iraq del suo resident scholar, ex consigliere della Iraqi Coalition Provisional Authority ed editore della rivista Middle East Quarterly, Michael Rubin. Contrariamente all’approccio che vorrebbe Teheran, impegnata a replicare in un nuovo Stato iracheno il modello islamico vigente in Iran, Rubin argomenta come le strategie iraniane mirano piuttosto a promuovere ai propri confini realtà satelliti e dipendenti, sulle quali esercitare un’influenza diretta ed inflessibile. Si tratta di un disegno complesso che affianca operazioni militari a studi di intelligence ed interventi di carattere economico, politico e sociale, all’interno del quale l’affermarsi della democrazia in Iraq rappresenta una “minaccia esistenziale per la teocrazia iraniana”, come l'ha definita Rubin. Nel suo discorso presso l’ateneo israeliano, Rubin ha dunque ribadito la fondamentale importanza del successo della missione statunitense a Baghdad, nonché il valore di creare un governo stabile e moderato a maggioranza sciita, al fine di contrastare la legittimità teologica rivendicata in Medio Oriente dalla Repubblica Islamica d’Iran.

Nella sua analisi, lo studioso dell’Aei parte dalla constatazione della distinta vulnerabilità della Repubblica Islamica d’Iran in seguito alla caduta del regime di Saddam Hussein. Con la radicalizzazione dell’insegnamento khomeinista a partire dal 1970 ed il susseguente affermarsi del governo teocratico-clericale, rinforzatosi negli anni Novanta con l’ascesa della figura di Ali Khamenei, in Iran è andata progressivamente imponendosi una politica di zero tolerance verso i dissidenti religiosi, più generalmente mirata a contrastare coloro che si dichiarano a favore della separazione tra potere temporale e spirituale negli affari di governo. Se tuttavia il pugno di ferro con cui la dittatura di Saddam reggeva l’Iraq esemplificava le inevitabili contraddizioni di un regime sostanzialmente politico - e dunque ribadiva l’indiscussa supremazia dell’autorità religiosa iraniana sulle sue imperfezioni -, la liberazione dei territori iracheni e la deposizione del loro Presidente ha rischiato di dare nuovo potere alle fazioni sciite, ponendo presupposti non solo religiosi, bensì anche istituzionali attraverso i quali esse sono in grado di contendere la leadership iraniana sulla comunità islamica di tutto il mondo.

Alla preoccupazione nei confronti di un’eventuale alternativa irachena a guida della comunità islamica in Medio Oriente, si sono aggiunte negli ultimi anni le richieste di indipendenza - o quantomeno di riconoscimento - da parte della minoranza curda iraniana. Sull’esempio del modello federalista promosso in Iraq, in particolar modo esemplificato dall'agitata campagna referendaria per l’annessione della città di Kirkuk al Governo Regionale Curdo pianificata per dicembre, i curdi iraniani premono per rivendicare la cessazione dell’oppressione e della discriminazione da parte del governo centrale, chiamato a concedere maggiori libertà politiche e religiose a questa etnia.

La risposta iraniana alla fase di incertezza odierna, nota Rubin, prevede un intervento in territorio iracheno che si articola su più fronti, e ricalca visibilmente il modello con cui Hezbollah prese possesso del Libano meridionale negli anni Ottanta. Il ruolo centrale di tale strategia è affidato alle milizie, in particolar modo i corpi armati del Consiglio Supremo per la Rivoluzione Islamica in Iraq (Sciri): le Truppe Badr, infiltratesi in Iraq ancora prima che i soldati statunitensi raggiungessero Baghdad, che minano quotidianamente i progressi della missione statunitense per uno Stato iracheno libero e democratico attraverso controlli, interrogatori, rapimenti ed intimidazione della popolazione. Agli interventi armati si affianca l’appoggio iraniano alle insurrezioni dei ribelli radicali sunniti: ritorna il “martirio” dei fedeli contro il Grande Satana, legittimato da fatwa appositamente pronunciate, che già in passato accompagnò la radicalizzazione degli scontri su territorio libanese con le bombe, i rapimenti di figure di spicco locali ed internazionali e gli attentati suicidi.

Il progetto della leadership iraniana, ricorda infine Rubin, è a lungo termine: per questo attende con pazienza il momento propizio per agire, non appoggiando esclusivamente una fazione né una causa politica, ma gestendo abilmente i vari interessi economici e i conflitti tra etnie per affermare la causa del radicalismo religioso iraniano. Allo stesso tempo, investe solo su quegli obiettivi a breve termine che conferiscono immediato potere, come la creazione di organizzazioni per promuovere i servizi sociali di cui la popolazione irachena ha disperatamente bisogno: luce, acqua, lavoro, scuole. Tutto chiaramente concesso a fronte di una propaganda culturale massiccia, che spesso finisce per creare nuovi seguaci per la causa della teocrazia iraniana.

All’interno di questo quadro allarmante, Ruben richiama gli Stati Uniti ad un ripensamento importante delle modalità di gestione dello scenario iracheno: maggiore consapevolezza della strategia geopolitica iraniana, unitamente ad investimenti mirati per contrastare le campagne di disinformazione locali, che rappresentano gli Usa come oppressori (il parallelo con il modello di Israele a Gaza, malvisto nel mondo arabo, ricorre spesso); incapaci di gestire una situazione complessa; pronti ad andarsene appena se ne presenti l’occasione, come accadde durante la prima Guerra del Golfo; o disposti a complottare per vendere il paese a nuovi tiranni senza scrupoli. Per evitare le circostanze in cui l’esercito americano possa divenire ostaggio iraniano, incapace di ritirare le truppe per non lasciare l’Iraq in balia dell’anarchia o asservito agli interessi della Repubblica Islamica d’Iran - sebbene impossibilitato ad agire per la vulnerabilità dei propri soldati agli attacchi iraniani - è necessario agire con decisione: sono doverose nuove strategie, forze ben addestrate e maggiori investimenti economici, in particolar modo nel panorama sociale e culturale. La diplomazia in questo caso è un inutile rallentamento del processo politico, che deve sempre e prima di tutto perseguire la stabilità dell’Iraq e il successo degli Usa.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here