Home News Tar annulla le striscie blu. Da oggi a Roma non si paga.

Tar annulla le striscie blu. Da oggi a Roma non si paga.

0
4

Il Tar del Lazio ha annullato, con la soddisfazione del Codacons e della giunta capitolina, la delibera con la quale il Comune di Roma aveva istituito nuove strisce blu nel quartiere 'Ostiense'. Secondo i giudici amministrativi il provvedimento non chiarisce la specifica ragione per la quale la zona e' stata definita ''di particolare rilevanza urbanistica'', facendo facendo venir meno l'obbligo di riservare aree di parcheggio gratuite. La sentenza accoglie un ricorso del Codacons: l'associazione aveva chiesto l'annullamento della delibera, ma anche l'accertamento del diritto degli utenti dei parcheggi alla restituzione delle somme pagate per le multe inflitte ''a fronte dell'illegittimo aumento del numero delle aree riservate al parcheggio a pagamento''. In questo caso, pero', il Tar non ha accolto la richiesta.

Ma secondo il Codacons, che ha avviato una 'class action' contro la Sta per chiedere la restituzione ai cittadini delle multe illegittime pagate, la sentenza del Tar ''vale per tutta Roma. Gli effetti della sentenza - ha spiegato il coordinamento degli utenti e dei consumatori - si estendono a tutte le altre vie richiamate dalle delibere del 2004 annullate dal tribunale amministrativo. Questo significa che l'illegittimita' delle multe elevate per il divieto di sosta valgono per tutte le altre vie cui fa riferimento la delibera richiamata in precedenza e non solo per il quartiere Ostiense''.

Soddisfatto il sindaco della Capitale Gianni Alemanno e' l'assessore alla Mobilita' Sergio Marchi: ''Aveva quindi ragione l'allora opposizione di centrodestra a sostenere il carattere vessatorio della disciplina dei parcheggi a Roma''.  E annunciano: ''Non faremo ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar che ha dichiarato l'illegittimita' delle strisce blu, cosi' come disciplinate dalla precedente amministrazione di centrosinistra. Lavoreremo da subito con le associazioni dei consumatori e con i cittadini affinche' si possa giungere ad una disciplina che stabilisca un nuovo equilibrio tra strisceblu e strisce bianche. Abbiamo inoltre gia' provveduto con una circolare inviata ad Atac a bloccare le macchine di riscossione della sosta - concludono il sindaco e l'assessore - cosi' come intendiamo tranquillizzare i 650 dipendenti della stessa azienda che saranno rioccupati in altre funzioni per aiutare la mobilita' della citta'''.

Il vicesindaco Cutrufo sottolinea che ''bisogna trovare un nuovo equilibrio tra l'esigenza da parte del Comune del pagamento per la occupazione del suolo pubblico, finanziando cosi' il miglioramento della mobilita' e la liberta' da parte dei cittadini di spostarsi nella propria citta'. L'amministrazione e' comunque dalla parte di questi ultimi. Sapremo trovare un giusto compromesso''. Soddisfatto anche l'assessore capitolino ai Lavori pubblici, Fabrizio Ghera: ''La sentenza del Tar avvalora la posizione che per anni, dall'opposizione, abbiamo portato avanti in Consiglio comunale: ''E' impensabile che esistano zone di Roma totalmente adibite alla sosta tariffata, che non offrono ai residenti la possibilita' di parcheggiare liberamente. La scelta di Alemanno percio' e' in linea con le nostre posizioni ed e' cio' che i romani vogliono''.

SOSPESE TARIFFE A ROMA
"A decorrere dalla data odierna e fino a nuova deliberazione dell'Amministrazione comunale in materia, è sospesa la tariffazione della sosta nelle aree definite di particolare rilevanza urbanistica, di cui alla deliberazione n.104/2004 annullata, nel territorio del comune di Roma". E' quanto si legge nell'atto di indirizzo firmato dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno. Nell'atto di indirizzo, che è stato inviato, fra gli altri, all'Atac, al comando della Polizia Municipale e all'Ufficio Contravvenzioni, si legge che viene sospesa la tariffazione oraria in tutto il territorio comunale. L'atto, alla luce della sentenza del Tar pubblicata il 28 maggio che ha accolto il ricorso del Codacons e annullato la delibera comunale n.104/2004, si è reso necessario, si legge nel provvedimento, per "prevenire contestazioni suscettibili di arrecare a questo Comune maggiori pregiudizi rispetto ai proventi della sosta" nelle strisce blu e "rilevata la generale e ampia portata caducatoria della sentenza in questione".

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here