Telecom, Epifani: di Alitalia ne basta e ne avanza una

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Telecom, Epifani: di Alitalia ne basta e ne avanza una

16 Aprile 2007

Guglielmo Epifani, segretario generale della Cgil, durante l’intervento all’assemblea
dei delegati sindacali Telecom, ha dichiarato che “di Alitalia ne basta e ne
avanza una”.
Epifani ha infatti parlato di “parabola di Alitalia che, 20 anni fa,
era la quinta compagnia aerea del mondo”, su cui oggi “si è
compiuto un misfatto intollerabile”. Ha poi spiegato
che si tratta di una “situazione complicata”, perché
vediamo “quello che non va bene ma non vediamo quello che va
bene”. Epifani ha a anche chiarito che in futuro “(come proprietarie, ndr) le banche
possono andare bene per un primo periodo, ma da sole non
bastano perché ci vuole un imprenditore, una cordata, che
creda nel futuro dell’azienda. Non c’è azienda che possa
sopravvivere a cinque cambi di
proprietà in 6-7 anni; le nostre non sono
preoccupazioni corporative ma preoccupazioni nell’interesse
del Paese”. Il segretario generale della Cgil ha anche chiarito che il futuro leader di Telecom, quale che sia, “non troverà un sindacato aperto alla sua
dissoluzione. Il sindacato
italiano – ha concluso Epifani – non può essere disponibile a qualcosa che non
faccia l’interesse dell’azienda”.