Terrorismo. Hekmatyar: “Osama Bin Laden è ancora vivo”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Terrorismo. Hekmatyar: “Osama Bin Laden è ancora vivo”

12 Novembre 2009

“Osama Bin Laden è ancora vivo”. Lo ha detto l’ex primo ministro afghano e signore della guerra Gul Badin Hekmatyar, in un video diffuso dalla televisione pachistana Aaj Tv e ripreso dalla stampa pachistana.

Hekmatyar, che ha assicurato sull’esistenza in vita del leader talebano. Ha detto però di non sapere dove il leader di Al Qaida si trovi. Per Hekmatyar, eroe della lotta contro l’Urss, “se gli Usa e i loro alleati annunciano la partenza dall’Afghanistan, per loro sarà assicurata una uscita sicura dal paese”.

Le dichiarazioni di Hekmatyar sono state confermate dall’ex capo dei servizi pachistani, ISI, Hamid Gul, che ha definito, alla stessa televisione pachistana, il signore della guerra afghano “un leader molto ben informato” e che se ha assicurato dell’esistenza in vita di Bin Laden è perché non ci sono dubbi che sia così. Per Gul, Bin Laden si trova in Afghanistan e gli Usa non potranno avere successo nella guerra in Afghanistan anche se dovessero portare sul territorio 400.000 mila uomini. “I Talebani stanno diventando più forti con il passare del tempo – ha detto Gul – e la società afghana, tradizionalmente, non è favorevole al controllo di forze straniere”.

Gul ha condannato le parole del segretario di stato americano Hillary Clinton su Bin Laden in Pakistan. Il capo della diplomazia americana, parlando nel paese islamico, aveva detto che era assurdo che il governo di Islamabad non sapesse dove si trovi Osama Bin Laden. Gul ha definito “propaganda contro il Pakistan” il discorso della Clinton: “un tentativo di prendere il controllo dell’arsenale nucleare pachistano”.