Tokyo intimorita dal super yen: il Nikkei chiude in calo dello 0,4%

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Tokyo intimorita dal super yen: il Nikkei chiude in calo dello 0,4%

Tokyo intimorita dal super yen: il Nikkei chiude in calo dello 0,4%

12 Aprile 2016

Chiusura debole per le borse asiatiche, in particolare per quella di Tokyo. Ha pesato soprattutto  il forte apprezzamento dello yen sul dollaro ed il dato deludente sugli ordini di macchinari. Anche dalla Cina arrivano dati deboli,  dove l’inflazione è sempre più stagnante. Il petrolio, torna a scendere, in vista anche del vicino vertice dei produttori OPEC a metà aprile.                  

L’indice Nikkei, al termine delle contrattazioni, registra una perdita dello 0,44% a quota 15.751. Mentre il Topix ha perso lo 0,66% a 992 punti. Chiude fiacca Seul con un decremento dello 0,09%. Ottima giornata per le borse cinesi, grazie ai dati migliori delle attese sull’inflazione: Shanghai avanza dell’1,75% e Shenzhen guadagna il 2,1%. In rialzo anche Taiwan che guadagna lo 0,25% Fra gli altri mercati tiene solo Hong Kong che recupera lo 0,49%, mentre Mumbay viaggia sulla parità, Singapore cede lo 0,15%, Bangkok lo 0,13%, Kuala Lumpur lo 0,27%, Jakarta lo 0,99% e Sydney lo 0,1%.

Wall Street ha invece chiuso la seduta di venerdì in lieve rialzo nonostante la forte accelerazione dei prezzi del petrolio. Sui listini, al termine della giornata, ha prevalso la cautela in attesa dell’inizio della stagione delle trimestrali. Il Dow Jones è salito dello 0,2%, l’S&P 500 dello 0,28% e il Nasdaq Composite ha guadagnato solo lo 0,05%.
Euro scambiato a 1,1412/1,1413 dollari.