Trattato di Lisbona. Frattini a Lega: “Stop alla ratifica? Impossibile”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Trattato di Lisbona. Frattini a Lega: “Stop alla ratifica? Impossibile”

16 Giugno 2008

La sospensione del processo di ratifica del Trattato di Lisbona in Italia è "politicamente impossibile". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Franco Frattini, a margine della riunione con i colleghi Ue a Lussemburgo, rispondendo ad una domanda sull’atteggiamento della Lega Nord, che ha festeggiato la bocciatura del Trattato nel referendum in Irlanda.

"In Italia è assolutamente impossibile fermare il processo di ratifica", ha detto Frattini, riconoscendo però l’argomento leghista secondo cui l’Ue appare troppo lontana dai propri cittadini. "La globalizzazione non si affronta con meno Europa, ma con più Europa, solo che l’Europa si deve spiegare meglio", ha dichiarato il ministro degli Esteri.

A questo proposito, Frattini ha annunciato di aver chiesto, insieme al collega francese Bernard Kouchner, che il Consiglio europeo di giovedì e venerdì adotti delle "misure concrete" sui problemi più urgenti per i cittadini Ue, come l’aumento dei prezzi alimentari, il caro-petrolio e l’immigrazione.