Triplice omicidio a Mantova. Aveva la licenza per l’arma: esplode la polemica

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Triplice omicidio a Mantova. Aveva la licenza per l’arma: esplode la polemica

26 Aprile 2010

Omar Bianchera aveva una licenza per detenere armi a fini sportivi. E’ l’uomo che ieri nel mantovano ha ucciso tre persone. E tornano le polemiche sul rilascio del porto d’armi facile. L’Associazione Nazionale Funzionari di Polizia (Anfp) sollecita il ministero dell’Interno "a rivedere normative e circolari, con la severità che si impone per evitare che in futuro si ripetano episodi simili".

Nel novembre del 2007, l’allora ministro dell’Interno Giuliano Amato, fece approvare dal Consiglio dei ministri un disegno di legge che imponeva un giro di vite sulla materia, introducendo il nulla osta per la detenzione di armi e la verifica periodica dell’idoneità psicofisca del titolare dell’arma. Ma poi il provvedimento non ha più fatto strada in Parlamento.

Così, le norme attuali prevedono che per ottenere il porto d’armi per difesa personale è necessario essere maggiorenni ed avere una valida e motivata ragione che giustifichi il bisogno di essere armati.