Trump fa partire in rialzo le borse asiatiche: Tokyo a +0,3%

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Trump fa partire in rialzo le borse asiatiche: Tokyo a +0,3%

06 Febbraio 2017

Avvio di settimana positivo per la borsa di Tokyo. L’indice Nikkei ha terminato la prima seduta della settimana con un rialzo dello 0,31% a 18.977 punti. Buone performance per i titoli del settore finanziario: Mitsubishi UFJ Financial Group ha guadagnato il 3,38%. Bene anche Honda (+2%). 

Le azioni dal Giappone a Hong Kong sono salite soprattutto dopo che a Wall Street l’indice S&P500 ha chiuso a un solo punto dal suo massimo storico venerdì a quota 2.297,42. Il gruppo Mitsubishi UFJ Financial è balzato al livello più alto dell’anno sostenuto dai forti guadagni dei titoli bancari. Ondata che ha toccato anche gli assicuratori cinesi di Hong Kong. Il won sudcoreano ha esteso il più grande rally settimanale da luglio, mentre l’indice legato al dollaro è rimasto piatto.

Ma pare che la spinta ai bancari è stata data dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump che venerdì ha firmato l’ordine esecutivo per allentare la regolamentazione finanziaria con il riesame della legge Dodd-Frank. Intanto il petrolio americano (Wti) ha toccato i 54,02 dollari (+0,3%) al barile, dopo tre settimane consecutive di guadagni. Oro in rialzo a 1.226,2 dollari per oncia (+0,4%) valute stabili sul dollaro rispetto alla chiusura di venerdì di Wall Street: euro a 1,0777, yen a 112,54, sterlina a 1,2484.

L’ultimo rapporto sui posti di lavoro degli Stati Uniti ha mostrato una crescita debole dei salari anche se le assunzioni sono salite, rafforzando l’ipotesi che la Federal Reserve assuma un approccio graduale nella politica dei tassi. Le probabilità di un rialzo del costo del denato negli Usa a marzo sono calate rispetto a una settimana fa, scrive oggi Marketwatch (gruppo Wall Street Journal).