Home News Ucraina. Secondo W. Post accordo con Russia ostacola obiettivi Usa

Ucraina. Secondo W. Post accordo con Russia ostacola obiettivi Usa

3
43

L'accordo appena ratificato fra Mosca e Kiev, che estende di 25 anni la concessione di una base sul mar Nero alla Russia, rischia di ostacolare il raggiungimento degli obiettivi americani nella regione. Lo scrive oggi il Washington Post.

Secondo diversi analisti, l'estensione della concessione per la base di Sebastopoli in cambio di uno sconto sul prezzo del gas potrebbe minare lo sforzo occidentale di sostegno alla transizione democratica dell'Ucraina. L'intesa permette infatti di rinviare le necessarie riforme nel settore corrotto dell'energia in Ucraina e rischia di provocare nuove tensioni all'interno di un sistema politico già instabile. Tensioni già scoppiate ieri con le dure proteste in parlamento al momento della ratifica dell'accordo.

Altri analisti avvertono che l'intesa russo-ucraina rafforza la determinazione di Mosca a ripristinare la propria influenza sulla regione e rischia di complicare gli sforzi della Nato per usare il mar Nero come base contro potenziali nemici in Medio Oriente e Asia centrale. Il Pentagono, va ricordato, ha considerato anche l'ipotesi di piazzare parte del suo scudo missilistico contro l'Iran a bordo di navi nel mar Nero.

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. Rapporti con Russia funzionano, da energia a Afghanistan
    E un bel ‘chissenefrega’? Noi stiamo nell’Unione europea non negli Usa. Abbiamo tutto l’interesse a stabilizzare i rapporti e a instaurare un buon partenariato tra Europa occidentale e orientale (energia, sicurezza europea). La Nato svolge gli interessi esclusivi americani dividendo l’Europa e NON VA BENE: o la si riforma ridefinendo il ruolo europeo nell’alleanza con gli Stati Uniti, senza tagliare fuori la Russia, o finirà marginalizzata in Europa. Francia, Germania e Italia NON APPOGGIANO le provocazioni americane nell’Est. Mistral ne è la prova. Questi articoli anti-russi hanno stufato e non rappresentano le posizioni del centro-destra italiano in politica estera. Quale lobby c’è dietro questi continui articoli in totale contrasto con la politica estera di Berlusconi e Frattini? Senza la Russia e con l’amata – dagli States – Cina l’Iran non avrebbe avuto grossi ostacoli al suo programma nucleare: l’importanza strategica della Russia è fondamentale.

  2. regalato non è chiesto né rubato
    Certo che Khrusciov la combinò proprio grossa nel 1954, regalando la Crimea all’Ucraina! I russi non accetteranno mai di essere sloggiati da Sebastopoli, unico porto valido in acque calde, tanto vale accordarsi con contropartite economiche. Non vedo dove sia il problema per le navi americane, il Mar Nero non è un mare russo, vi si affacciano numerose nazioni della NATO.

  3. Credo che questo accordo dia
    Credo che questo accordo dia solo più stabilità all’Ucraina e le risse sono state provocate da un’opposizione che non accetta una sconfitta ratificata a livello internazionale.
    Quanto agli obiettivi americani non è una novita che pensino di andare a spasso per il mondo credendo di essere a casa propria ma questo non vuol dire che altre nazioni non si prefiggano altri obiettivi ugualmente importanti.
    Del resto mi sembra più legittimata Mosca a controllare un mare vicino al proprio confine piuttosto di un paese che si trova su un altro continente…

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here