Ue. L’Italia sul banco degli imputati per l’inquinamento

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ue. L’Italia sul banco degli imputati per l’inquinamento

24 Novembre 2010

La Commissione europea ha deciso di mettere l’Italia – ma anche Spagna, Portogallo e Cipro – sul banco degli imputati alla Corte di giustizia dell’Ue per i livelli di inquinamento da particelle sottili (le Pm10), i cui valori limite sono stati superati in numerose zone del Paese.

Lo annuncia l’esecutivo Ue, oggi a Bruxelles, precisando che, "per quanto tutti i quattro Stati abbiano chiesto proroghe" rispetto alle scadenze per l’applicazione delle norme Ue, "la Commissione ritiene che le condizioni per concederle non siano state rispettate per diverse zone non in regola. Per questa ragione ricorre alla Corte di giustizia europea".