Home News Una nuova rubrica: War

Una nuova rubrica: War

0
4

Oggi trovate on-line una nuova rubrica curata da Fiamma Nirenstein, una grande amica e una bravissima giornalista (a mio giudizio la migliore sulle questioni medio orientali). La rubrica si chiama War ed è dedicata alla guerra. Non è una scelta da guerrafondai, come spiega bene Fiamma nella sua presentazione. Ma è il segno della nostra attenzione al fatto che la guerra esiste in molte parti del mondo, che spesso non si può evitare e che è meglio vincerla che perderla.
Certo è molto più politically correct parlare di pace, ma sono già in molti a farlo e non sempre a proposito. Specie quando si crede che la pace sia un diritto inalienabile e non invece un precario stato delle relazioni umane e internazionali che va conquistato, tutelato e difeso.

Parlare di guerra in un paese che la bandisce dalla propria visuale e dalla propria riflessione "senza se e senza ma" non sarà facile. Vedrete infatti che spesso dovremo avvalerci di analisti e studiosi stranieri, come Barry Rubin, di cui pubblichiamo già oggi un articolo.

Parlare di guerra vuol dire capire come questa cambia nel mondo globalizzato del terrorismo internazionale, degli eserciti senza stato, dello scontro di civiltà in atto (sì ,qui ne riconosciamo l'esistenza).Vuol dire rintracciare nei think tank internazionali la riflessione strategica più aggiornata su questi temi, valorizzare il punto di vista delle forze armate italiane, che a mio parere rappresentano un patrimonio di intelligenza e di tenuta civile di cui il paese non si è ancora reso conto.

Quindi, come sempre, se avete qualcosa da dire, da scrivere, da segnalare sulla guerra e dintorni non perdete tempo e tenete d'occhio War.

 


  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here