Unanimità al Senato: un nuovo europeismo è possibile

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Unanimità al Senato: un nuovo europeismo è possibile

28 Luglio 2008

L’Aula del Senato ha approvato mercoledì 23 luglio il Trattato di Lisbona. E – ecco la novità – lo ha fatto con un voto unanime. Lo stesso si sta avviando a fare la Camera dei deputati nei prossimi giorni. Non era mai successo.

I trattati europei furono sempre un elemento di divisione – all’epoca della guerra fredda – tra forze di Governo e l’opposizione social-comunista prima e comunista poi (ma anche l’opposizione della destra post-fascista). Ancora alla fine degli anni ’70 fu l’adesione al sistema monetario europeo a segnare il momento di rottura della solidarietà nazionale. Una divisione questa che si è ricomposta negli anni ’80 a immediato ridosso della caduta del muro di Berlino. La bandiera anti-europea è rimasta innalzata, a sinistra, dalle formazioni più radicali. Rifondazione comunista ha votato contro tutti i trattati europei che si sono succeduti negli ultimi anni: da Nizza al Trattato costituzionale. Un voto contro l’Europa dei mercati. Un costante voto contrario aveva espresso sino ad oggi un altro partito: la Lega. Contrarietà tuttavia che si è sempre colorata in modo diverso e ha avuto come suo vessillo la richiesta di far svolgere sui trattati consultazioni popolari. Dunque, da sempre una contrarietà non radicale come quella della sinistra, ma più metodologica (seppur colorata spesso con esibizioni folcloristiche). Un “no” all’Europa tecnocratica, lontana dai cittadini; ad un’Europa fatta di Stati sovrani irrispettosi delle autonomie.

Oggi, scomparsa dalle Aule parlamentari Rifondazione comunista, la Lega ha potuto votare a favore del Trattato di Lisbona. Lo ha fatto circondando il suo voto di una valanga di critiche all’Unione, alle sue politiche, alla sua assenza di radici. Ma son tutte queste sono state critiche all’Unione come è, non all’Unione in quanto tale.

Il Trattato di Lisbona, tanto più dopo il dibattito apertosi dopo il “no” irlandese, viene visto come un momento di passaggio. Una tappa da superare anche, seppur criticamente, “per diventare lo stimolo di una nuova Europa” (così il Capogruppo della Lega al Senato, Bricolo).

Sembra tutto un paradosso, interpretato dai più maligni come il frutto delle capacità di mediazione del Presidente del Consiglio, ma che invece, letto meglio, presenta elementi che non vanno trascurati.

Il Trattato di Lisbona – che pure contiene tanta parte del Trattato costituzionale, ma non più la sua ambizione – viene letto oggi, proprio per la sua veste dimessa, come simbolo di un momento di passaggio: da un lato lo si vede come ponte lanciato verso un’Europa più politicamente integrata ed avanzata (é il senso, ad esempio, dell’ordine del giorno presentato dal senatore Marini), dall’altro, come uno strumento il cui uso bisogna circondare di cautele (è il senso dei molti ordini del giorno accolti dal Governo e per lo più presentati dai senatori della Lega e della maggioranza, che chiedono una limitazione nell’interpretazione di norme previste dalla Carta dei diritti).

Così il terreno comune che ha permesso in Senato un voto unanime è quello di un trattato europeo che non scalda i cuori, che non si propone come prodotto di quel “mito di sostituzione”, di quella “nuova utopia rivoluzionaria” di cui ha parlato il senatore Quagliariello nella dichiarazione di voto finale parlando a proposito dell’ideologia europeista.

V’è un germe vitale nella conclusione di questo dibattito, che solo una polemica stantia di chi ha occhi rivolti verso il passato potrebbe trascurare o minimizzare: la voglia di radicare dal basso i fili di un nuovo europeismo italiano. Un europeismo che nel centro-destra si vuole fondare nel patrimonio comune, nelle tradizioni cristiane del popolarismo europeo.

Comune, seppur con una radicale differenza di accenti, è la considerazione della profonda crisi politica in cui versa l’Europa. Un’Europa che la Lega vorrebbe più capace di difendere e di proteggere e che i democratici vorrebbero più autorevole e proiettata in modo forte sulla scena internazionale.

Forse non è un’opera impossibile: quella di riannodare insieme l’europeismo spinelliano e quello del popolarismo mittel-europeo (così sempre Quagliariello). Un’opera che, con il voto unanime su Lisbona, se vi sarà saggezza e lungimiranza – come quella mostrata dalla paziente diplomazia del ministro Frattini – potrà dare dei frutti: un contributo italiano ad un nuovo europeismo.