Unicredit. Firmato accordo su esuberi

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Unicredit. Firmato accordo su esuberi

18 Ottobre 2010

È stato firmato questa mattina all’alba, dopo una maratona notturna, l’accordo con i sindacati sui 4.700 esuberi di Unicredit previsti dal riassetto per la Banca Unica. L’intesa, da quanto si apprende da fonti sindacali, prevede, per 3.000 persone la possibilità di decidere l’uscita volontaria fino al 15 novembre di quest’anno.

Qualora non venga raggiunto il numero prefissato, è prevista l’uscita forzosa a cominciare dai dipendenti che hanno 40 anni di contributi. Entro il 26 novembre prossimo, un accordo specifico regolerà inoltre il problema dei 6.000 lavoratori in attesa dallo scorso luglio di entrare nel fondo esuberi. Più in generale l’intesa tra la banca e i sindacati prevede la stabilizzazione a tempo indeterminato di 1.700 ‘apprendisti’ e l’assunzione di 1.121 giovani. È stato ottenuto, dopo ore di discussione, anche l’impegno dell’azienda a privilegiare le assunzioni dei figli dei dipendenti con due vincoli legati alla laurea e alla conoscenza della lingua inglese. Unicredit non ha invece accettato l’idea di un’ assunzione automatica dei figli dei propri dipendenti destinati al prepensionamento.

I pre-pensionandi per i quali si procederà ad un accordo specifico entro il 26 novembre sono, come noto, 600. Per quanto riguarda più in generale l’accordo, che è stato sottoscritto da tutte le sigle sindacali, nel triennio 2011-13 i 3.000 dipendenti in usciti saranno incentivati con un numero di mensilità che varia da 16 a 6 a seconda degli anni d’uscita e dell’età.

A chi non ha ancora maturato i requisiti per la pensione saranno concessi, oltre l’incentivo, una somma che varia da 1.000 a 5.000 euro netti. Un’altra novità dell’accordo è un premio aziendale per i dipendenti nel 2010, ma che sarà erogato nel 2011, di importo medio pari a 2.000 euro