Unioni Civili: Roccella, Commissione Giustizia smentisce chi nega gender

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Unioni Civili: Roccella, Commissione Giustizia smentisce chi nega gender

10 Settembre 2015

"La Commissione Giustizia del Senato ha appena smentito quelli che continuano a sostenere che l’ideologia gender non esiste. E’ stato bocciato infatti l’emendamento Ncd proposto da Sacconi, Albertini e Giovanardi in cui si riaffermava, sul cambiamento di sesso, la legislazione vigente, rifiutando in modo esplicito il criterio dell’autopercezione introdotto da una recente sentenza della Cassazione". Lo afferma Eugenia Roccella, parlamentare di Area Popolare. "Secondo la Cassazione, infatti – continua -, si è autorizzati a iscriversi all’anagrafe come donna anche mantenendo gli organi sessuali maschili e quindi la possibilità di essere padre, e naturalmente si può essere ufficialmente uomo e mantenere la possibilità di essere madre. Per i senatori Pd e M5S, quindi, si è maschio o femmina se ci si sente tali – conclude -, al di là dei dati biologici e della realtà del corpo".