Unioni civili, Sacconi: calendarizzare ddl sarebbe assurda forzatura

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Unioni civili, Sacconi: calendarizzare ddl sarebbe assurda forzatura

28 Settembre 2015

"La imposizione, con una maggioranza spuria nella stessa conferenza dei capigruppo, della iscrizione nel calendario d’Aula del ddl sulle unioni civili subito dopo la Riforma Costituzionale e subito prima della Legge di Stabilità sarebbe una assurda forzatura": così in una nota il Presidente della Commissione lavoro del Senato, Maurizio Sacconi. "Si porrebbe fine ad un confronto mai iniziato sul nodo centrale della "produzione" e cura dei figli, si dividerebbe ulteriormente la nazione proprio sulle adozioni delle coppie omosessuali, si incoraggerebbe la "cultura" della politica antisistema che mette in discussione addirittura l’uomo. Eppure saremmo tutti d’accordo nel riconoscere le convivenze omosessuali nei loro diritti e doveri di soccorso materiale e morale come nella loro capacità di autoregolarsi dal punto di vista patrimoniale. Al contrario – conclude – si preferirebbe il terreno tutto ideologico della famiglia unica abilitata a filiare ed educare anche se in base all’odioso commercio di gameti, embrioni, madri e bambini".