Università, Rettore Sapienza e suo figlio ora rischiano processo

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Università, Rettore Sapienza e suo figlio ora rischiano processo

02 Dicembre 2013

Guai in vista per Luigi Frati e suo figlio Giacomo, rettore della Sapienza di Roma. Rischiano un processo per concorso in abuso d’ufficio e omissione in atti d’ufficio, dopo la chiusura della inchiesta condotta dal Pm Alberto Pioletti. Secondo indiscrezioni, alla inchiesta potrebbe seguire il rinvio a giudizio. I fatti si riferiscono alla primavera del 2011, quando, secondo quanto riportato da La Stampa e da Il Sole 24 Ore, "i Frati, l’allora commissario straordinario dell’Umberto I, Antonio Capparelli e l’ex direttore sanitario Francesco Vaia si sarebbero adoperati per sollecitare l’apertura di una struttura di ricerca nel settore cardiovascolare per farla guidare dal figlio Giacomo".