Usa 2008. In Florida non si terranno nuove primarie democratiche

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Usa 2008. In Florida non si terranno nuove primarie democratiche

18 Marzo 2008

In Florida non si terranno nuove primarie del partito democratico. Lo ha reso noto in via ufficiale il partito a Tallahasse, la capitale dello Stato, sciogliendo una riserva che durava da alcune settimane.

Il Florida si era votato a gennaio ma le elezioni non sono state convalidate dal partito democratico perché programmate in anticipo rispetto alla data tradizionale del 5 febbraio.

Le primarie avrebbero dovuto tenersi con il sistema del voto a distanza, ma sull’ipotesi non è stato trovato il consenso. In alcuni Stati il sistema è rodato, ma in Florida si sarebbe trattato di un esperimento.

Le primarie sono state vinte dall’ex first lady di New York Hillary Clinton, con il senatore di Chicago Barack Obama al secondo posto, staccatissimo. Nessuno dei due ha fatto campagna elettorale nello Stato, obbedendo alle direttive del partito. Clinton, più popolare di Obama, ha avuto la meglio.

Difficilmente tuttavia le parti potranno accordarsi per riconoscere la validità del voto e consentire alla delegazione della Florida di partecipare alla convention del partito a Denver sulla base del risultato del 29 febbraio.

Tra le ipotesi ancora in campo quella di dividere in maniera equa tra i due candidati rimasti in corsa i delegati assegnati nello Stato.