USA 2016: come raccapezzarsi tra Exit Poll e risultati del voto

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

USA 2016: come raccapezzarsi tra Exit Poll e risultati del voto

08 Novembre 2016

Elezioni Usa: come sappiamo l’obiettivo dei due candidati alla Casa Bianca è assicurarsi almeno 270 grandi elettori, il ‘magic number’ che consegna le chiavi della Casa Bianca.

Secondo il sito RealClearPolitics, Hillary Clinton ne ha 203, Donald Trump 164. In gioco ci sono quindi 171 grandi elettori dei cosiddetti ‘battleground states’.

Trump, a differenza di Clinton, deve per forza riuscire a conquistare stati come OHIO, FLORIDA, IOWA e NORTH CAROLINA, ma anche strappare ai democratici qualche altro stato come Michigan o Colorado.

All’una di stanotte (ora italiana) chiuderanno i primi seggi in Georgia, Indiana, Kentucky, South Carolina, Vermont e Virginia. Proprio la VIRGINIA è uno dei più importanti Stati-chiave, con 13 grandi elettori: i sondaggi lo assegnano a Clinton di 5 punti. Se passasse a Trump, tutti gli allarmi in casa democratica si metterebbero a suonare.

Idem se stati come la GEORGIA dovessero finire alla Clinton piuttosto che a Trump, che a quel punto verrebbe dato mezzo per spacciato.

All’una e mezza di stanotte, sempre ora italiana, chiudono i seggi in North Carolina, West Virginia ma soprattutto in Ohio, uno degli Stati più attesi e spesso determinanti per la vittoria finale. Trump deve vincere assolutamente in OHIO e NORTH CAROLINA, se vuole assicurarsi la vittoria.

Alle due di stanotte arriveranno i risultati di Florida e Pennsylvania e a quel punto si capirà abbastanza chiaramente chi avrà vinto. Trump nei sondaggi è avanti dello 0,2% in FLORIDA, mentre è sotto di circa due punti in PENNSYLVANIA. Fra le due e le quattro di stanotte arriveranno anche i risultati di altri 15 stati, tra cui l’Arkansas, stato fortemente favorevole a Donald Trump.

Poi anche Arizona, Colorado, TEXAS (38 grandi elettori, favorevole ai repubblicani) e Wisconsin.

Tra le quattro e le cinque del mattino i giochi saranno fatti: conosceremo il voto della CALIFORNIA, roccaforte democratica con i suoi 55 grandi elettori.