Usa, “effetto Trump”: +211mila posti lavoro in aprile, disoccupazione al minimo dal 2007

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Usa, “effetto Trump”: +211mila posti lavoro in aprile, disoccupazione al minimo dal 2007

05 Maggio 2017

Disoccupazione ai minimi storici e più posti di lavoro. Probabilmente l’effetto Trump, oltre che far infrangere record su record ai principali indici di Wall Street si sta estendendo a tutta l’economia americana mandando in tilt le previsioni degli analisti.

In aprile, infatti, le aziende Usa hanno creato 211.000 posti di lavoro, molti più del previsto dato che gli analisti attendevano un aumento di 188.000 unità. Come riferito dal dipartimento al Lavoro, il tasso di disoccupazione è calato dal 4,5 al 4,4%, mentre le previsioni erano per un aumento al 4,6%.

Di conseguenza, i “claims”, ovvero le richieste dei sussidi di disoccupazione, sono scesi di 19 mila unità a 238 mila rispetto ai 257 mila della settimana precedente, mentre, ancora una volta, le attese degli analisti erano per una riduzione meno marcata a 247 mila.

Dunque, sembra che anche l’economia stia acquisendo la strategia trumpiana del “shock and awe” ovvero colpire, confondere e spiazzare l’establishment politico-economica.