Usa, Reid avverte: no decisioni affrettate su controllo armi

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Usa, Reid avverte: no decisioni affrettate su controllo armi

18 Aprile 2007

In seguito alla più drammatica strage di civili che gli Stati Uniti ricordino, il senatore democratico Harry Reid ha messo in guardia il Congresso sul prendere decisioni affrettate per aumentare il controllo sulla vendita delle armi. Ma già lo avvertono che il passaggio di un provvedimento in materia sarà difficile.
“Penso – ha detto Reid, d’accordo con altri esponenti democratici – che dovremmo pensare alle famiglie delle vittime e non speculare sul futuro esito delle legislative in cui potremmo imbatterci”. I democratici sono per tradizione in prima fila nel sostenere una più rigida regolamentazione per il controllo delle armi, nonostante che gli strateghi politici lo ritengano un punto con poco appeal per la campagna elettorale. Tant’è che l’argomento non è statao inserito nell’agenda nell’ agenda della neo eletta presidente della Camera Nancy Pelosi, nonostante fossero dieci anni che il partito non aveva la maggioranza alla Camera.