Home News Utero in affitto: question time, mozione e proposta di legge del movimento Idea

Tutte le News

Utero in affitto: question time, mozione e proposta di legge del movimento Idea

0
63

Oggi i parlamentari del Movimento Idea hanno tenuto una conferenza stampa sull’utero in affitto, presentando tre iniziative in materia: question time al ministro della giustizia, una mozione, e un disegno di legge sul diritto alla identità.

 

Il question time al ministro della Giustizia per sapere perché, a dispetto del fatto che anche nel governo ci si straccia tanto le vesti contro l'utero in affitto, non vengono utilizzati gli strumenti che sono già a disposizione, come l'art. 9 del codice penale che consente al ministro della Giustizia di rendere perseguibile in Italia un reato commesso all'estero anche se la pena edittale è inferiore alla soglia di quella che lo renderebbe automaticamente reato universale.

 

La mozione che impegna il governo da un lato a servirsi degli strumenti a propria disposizione (come appunto l'art. 9 cp) per contrastare la pratica, e dall'altro a salvaguardare il diritto del bambino alla propria identità, prevedendo che per consentire la trascrizione in Italia dell’atto di nascita dei nati di surroga all’estero, sia necessario fornire copia originale del contratto di surroga, da depositare all’anagrafe del nato, dal quale si evincano con chiarezza sia l’identità della madre surrogata sia gli estremi degli eventuali fornitori di gameti, in modo che al nato sia sempre garantita la possibilità di conoscere le modalità del proprio concepimento e le proprie origini biologiche. 

 

Il disegno di legge sul diritto all'identità, che preveda - come sopra nella mozione - che per consentire la trascrizione in Italia dell’atto di nascita dei nati di surroga all’estero, sia necessario fornire copia originale del contratto di surroga, da depositare all’anagrafe del nato, dal quale si evincano con chiarezza sia l’identità della madre surrogata sia gli estremi degli eventuali fornitori di gameti, in modo che al nato sia sempre garantita la possibilità di conoscere le modalità del proprio concepimento e le proprie origini biologiche. 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here