Verona al ballottaggio con Sboarina che rifiuta l’agenda LGBT

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Verona al ballottaggio con Sboarina che rifiuta l’agenda LGBT

23 Giugno 2017

Anche a Verona domenica si voterà per il ballottaggio alle elezioni comunali. Da una parte c’è Federico Sboarina, candidato sindaco del Centrodestra che si è presentato unito alle elezioni. Sboarina ha preso quasi il 30 per cento dei consensi al primo turno, il più votato. Dall’altra c’è Patrizia Bisinella, candidata di “Fare”, la lista del primo cittadino uscente, Flavio Tosi, che si è fermata al 23,5 per cento. Una sfida, quella tra Sboarina e Bisinella, che investe temi fondamentali come la difesa della vita e della famiglia naturale. 

In campagna elettorale, Tosi ha ricordato la sua astensione durante il voto avvenuto in consiglio comunale ormai a metà degli anni Novanta, una mozione che impegnava l’Amministrazione a non emanare provvedimenti che parificassero la famiglia naturale, fondata sul matrimonio tra uomo e donna, alle coppie omosessuali. In rappresentanza di Bisinella, Tosi ha anche preso parte all’incontro organizzato a Verona da Stuart Milk lo scorso 6 giugno per sottoporre ai candidati sindaco l’agenda LGBT.

Da una parte, quindi, chi si fa fotografare, come Tosi, con le drag queen, dall’altra chi, come Federico Sboarina, si presenta come il difensore della famiglia e dei valori della tradizione nazionale. Sboarina ha preso le distanze dalle iniziative targate LGBT, spiegando che se vincerà la sfida come sindaco la famiglia naturale sarà la “priorità assoluta del mio mandato”. Sboarina ha ottenuto anche il sostengo di “Difendiamo i nostri figli”, il comitato presieduto da Massimo Gandolfini. Domenica, dunque, sapremo se Sboarina romperà il muro del pensiero dominante su “gender” e agenda LGBT.