Home News “Vi racconto Bergamo, città martire del Coronavirus”. Intervista a Stefano Benigni

Finita l'emergenza, occorre una Commissione d'inchiesta

“Vi racconto Bergamo, città martire del Coronavirus”. Intervista a Stefano Benigni

Bergamo è certamente una delle province lombarde più colpite dall’emergenza coronavirus ed è per questo che tutta l’Italia, con il fiato sospeso e gli occhi preoccupati, attende notizie da questo territorio. Con il giovane parlamentare Stefano Benigni (Cambiamo!) abbiamo parlato di questa situazione che “era, e rimane tutt’ora drammatica”, anche se lentamente una luce inizia ad intravedersi in fondo al tunnel, grazie soprattutto a tutti coloro che stanno lavorando senza sosta.

Onorevole Benigni, innanzitutto qual è oggi la situazione nella zona di Bergamo?

La situazione era, e rimane tutt’ora drammatica. È un bollettino di guerra: non conosco una famiglia che non abbia subito un lutto o non abbia un parente o un conoscente ricoverato nelle ultime settimane. I nostri ospedali sono saturi e le ambulanze aspettano ore prima che si possa procedere ai ricoveri tant’è che molti pazienti vengono trasferiti fuori Regione. La cosa peggiore è che molte persone stanno morendo in casa perché le ambulanze non arrivano in tempo o non si riesce a recuperare l’ossigeno. Ci sono famiglie che non chiamano nemmeno più i soccorsi, perché c’è la paura di perdere il contatto con i propri cari, soprattutto nei loro ultimi istanti di vita.

Quando è scoppiato il focolaio a Codogno, la città e il territorio sono state dichiarate zona rossa. Secondo lei come mai non è stato fatto in tempo lo stesso anche per Bergamo?

Ritengo che siano stati fatti degli errori di valutazione molto gravi. Il focolaio bergamasco è esploso nelle aree di Alzano Lombardo e Nembro ed è evidente che tutto è partito dall’improvvisa chiusura e riapertura dell’Ospedale di Alzano il 23 febbraio. Una zona rossa andava istituita subito, una volta appurato che dentro la struttura sanitaria qualcosa era andato storto. Zone rosse e chiusure tardive in bergamasca, paventate intorno al 7 marzo, sarebbero state comunque inutili, perché il contagio si era ormai diffuso in tutta la provincia e in gran parte della regione.

È stato più volte detto che gli ospedali lombardi erano sull’orlo del collasso. Quali sono (se ci sono) le responsabilità del sistema sanitario lombardo? Secondo lei sarà necessaria una Commissione d’inchiesta ad hoc una volta finito tutto?

Ora dobbiamo solo occuparci dei nostri malati e pregare per i nostri morti. Non è certamente il momento di fare polemica. Pensiamo piuttosto a ringraziare i nostri medici, infermieri e tutto il personale ospedaliero che sta gestendo questa emergenza con assoluta professionalità e con grande spirito di sacrificio. Le nostre strutture ospedaliere erano e rimangono di straordinaria eccellenza grazie all’impegno e agli sforzi di Regione Lombardia ma nessuno era preparato ad una pandemia di questa entità. Quando tutto sarà finito, ritengo che una commissione d’inchiesta dovrà chiarire numerosi aspetti a partire da cosa è successo nell’Ospedale di Alzano e perché non è stata istituita immediatamente una zona rossa. Andranno accertate le cause nella completa trasparenza, lo dobbiamo alle tante famiglie colpite da questa tragedia e alle persone che ci hanno lasciato.

Abbiamo tutti negli occhi una immagine: i camion dell’esercito portare via i feretri dei deceduti a Bergamo. Forse la vera immagine che ha fatto comprendere agli italiani la portata della tragedia in atto. Come si è sentito davanti a tutto questo?

Sono immagini che resteranno indelebili nella memoria di tutti noi bergamaschi. Ci siamo resi conto di essere totalmente inermi: è una sensazione devastante fisicamente e mentalmente. Avere in casa un genitore, un parente malato e non poter far nulla per essere d’aiuto è terribile. Ci sono famiglie che non sanno dove si trovano i loro parenti deceduti e l’impossibilità di celebrare i Funerali rende l’addio ancora più difficile. I numeri che sentiamo e leggiamo quotidianamente sono lontanissimi da quelli reali, quasi ogni famiglia ha perso almeno un proprio caro. In Comuni dove in media ci sono una decina di morti al mese, oggi si superano i 100, 120 decessi. Purtroppo ci sta lasciando un’intera generazione, quella dei nostri nonni e dei nostri genitori e tutto ciò è straziante.

Oltre al dolore e all’angoscia, ci sono immagini o storie positive del suo territorio che l’hanno colpita e che si porta nel cuore?

Sicuramente il grande impegno dei volontari, sia quelli che prestano servizio sulle Ambulanze e che da settimane lavorano giorno e notte, senza orari e pause, sia i tanti cittadini che si sono offerti di aiutare portando generi alimentari e di prima necessità ai più anziani, ai malati e a chi è in difficoltà. Un grandissimo ringraziamento anche a tutti coloro che stanno lavorando senza sosta per ultimare l’Ospedale da campo alla Fiera di Bergamo, dagli Alpini alla Protezione Civile e a tutti i piccoli negozianti dei nostri Comuni che si sono attrezzati con consegne a domicilio gratuite. Nelle ultime settimane sono partite anche tante raccolte fondi per sostenere i nostri Ospedali, in prima linea in questa emergenza. Tante immagini positive, che confermano il grande cuore di tutti i bergamaschi, la generosità e lo straordinario spirito di comunità.

Come vede il suo territorio passata la tempesta Covid-19 e cosa può fare l’Italia per far ripartire Bergamo?

Il nostro è un territorio fortemente industrializzato, operoso e di grandi lavoratori. Sicuramente questa emergenza ci ha messi in ginocchio ma i Bergamaschi sapranno rialzarsi più forti e più coesi di prima. Siamo abituati alle grandi sfide ma per ripartire dobbiamo garantire alle aziende, ai commercianti, ai professionisti e alle famiglie tutti gli strumenti necessari per far fronte all’emergenza. Nessuno deve rimanere indietro, per questo il Governo ha di fronte una grande responsabilità: serve mettere in campo un piano di ricostruzione in grado di rilanciare la nostra economia e far tornare grande l’Italia nel mondo. Sono convinto che i costi di queste riforme però non possano essere caricati esclusivamente sulle spalle del nostro Paese ma ci debba essere un’azione di solidarietà dall’UE, la quale si trova di fronte ad un bivio; scegliere di tutelare l’interesse dei singoli col rischio di dissolversi o compiere il passo che tutti ci aspettiamo da anni: l’Europa unita.

 

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Invito a seguire un discorso su youtube : « Amore e morte: vivere con buonsenso nell’era del coronavirus »
    Questioni introduttive: Possiamo vivere con buonsenso guidato dalla libera ragione in un’epoca dominata dalla mediazione di massa?
    Possiamo ancora agire sostenuti da amore, piuttosto che dalla paura irrazionale instigata dai padroni dell’informazione di massa?
    …at https://www.youtube.com/watch?v=3hPFyjuj2VA

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here