Viltà settimanale

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Viltà settimanale

30 Gennaio 2007

Ha avuto perfettamente ragione Carlo Meroni ad additare con il suo
articolo la viltà dell’inganno ordito dall’Espresso contro
inconsapevoli sacerdoti nell’atto di confessare.

E anche all’Espresso si devono essere accorti che qualcosa non
andava, poiché, nei commenti online all’articolo “Benedette
assoluzioni”, sono in molti a lamentarsi della bassezza dell’operazione.

L’inchiesta di Riccardo Bocca suona insensata sin dalle presse. Egli
infatti scrive: “Come la pensa il grande esercito dei preti italiani,
quelli che tutti i giorni ascoltano i fedeli, le loro difficoltà e le
loro perplessità?”. Non bastava chiederglielo? Non poteva scegliersi un
campione di sacerdoti e intervistarli? Non è questo forse il mestiere
del giornalista?

Per Bocca non è così, ecco infatti squadernato il suo machiavellico
piano: “Per capirlo, siamo entrati nel posto dove possono esprimersi
con la massima serenità: il confessionale. Abbiamo costruito identità
fittizie e dichiarato peccati immaginari, legati alle questioni più
scomode della società contemporanea: dalla dolce morte alla droga,
dalla prostituzione alle truffe, dal sesso con minori al battesimo
nelle coppie miste.”

Bocca dunque si è intrufolato in quella che lui stesso definisce “la
serenità del confessionale”, violandola e facendone pubblico scempio.

Non è un fatto che offende solo chi crede in quel sacramento:
persino il codice penale riconosce la confessione come la più sacra e
privata delle conversazioni e tutela il suo segreto.

Bocca invece ha piazzato un registratore davanti alla voce di quegli
ignari sacerdoti e ha divulgato il loro dire mentre cercavano la forza
di spirito per perdonare i suoi falsi peccati. Lo avesse fatto con
qualsiasi altro interlocutore allo scopo di carpire confidenze o
segreti per poi sbatterli in prima pagina, sarebbero insorti tutti i
tutori della privacy e dell’etica professionale. Avendolo fatto con dei
preti riceve il plauso che va agli eroi del laicismo.

Lo avesse fatto in una Moschea ora avrebbe la scorta sotto casa.