Vince il centrodestra, M5S primo partito e il Pd sprofonda (anche nelle ex regioni rosse)

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Vince il centrodestra, M5S primo partito e il Pd sprofonda (anche nelle ex regioni rosse)

04 Marzo 2018

I risultati ormai parlano chiaro: il centrodestra, come coalizione, vince sulle altre formazioni attestandosi, tra Camera e Senato, al 37%, il M5S è il primo partito in assoluto con il 33% dei consensi mentre il centrosinistra si attesta intorno al 22%. Male Leu che, stando ai dati, supererebbe di poco la soglia di sbarramento arrivando al 3,20%. 

E se nel centrodestra, Salvini (18%) supera Berlusconi (14%) prendedosi di fatto la leadership del centrodestra, per il Pd il tracollo è mortale: 18,7%. Mai così male. Tanto che le famigerate regioni rosse, ormai non esistono più, essendosi ridotte a delle piccole macchioline. In Emilia Romagna resiste solo Bologna e i collegi circostanti, l’Umbria si tinge di azzurro, la Toscana sostanzialmente tiene, mentre le Marche se la spartiscono 5 Stelle e centrodestra che, stando ai risultati, sembrerebbero rappresentare le facce di un nuovo bipolarismo, orfano della sinistra. 

Prima di avere ben chiaro i seggi assegnati a ciascuna forza in Parlamento (una volta finiti gli scrutini, inizieranno le operazioni di conteggio per la ripartizione tra Camera e Senato), una cosa è certa: per ora nessuna forza è in grado di garantire una maggioranza. E su questo, Salvini rassicura: “Governeremo solo con il centrodestra”.