Voto sulle riforme slitta, pesano 7800 emendamenti

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Voto sulle riforme slitta, pesano 7800 emendamenti

21 Luglio 2014

 Non ci sta il ministro Boschi a sentire descrivere le riforme come una "svolta autoritaria". Nella sua replica alla fine della discussione in Senato, Boschi ribatté che "questa è un’allucinazione e come tutte le allucinazioni non può essere smentita con la forza della ragione". E mentre dai banchi di M5S arrivano rumorose proteste, il ministro continua imperterrita "parlare di svolta illiberale è una bugia e le bugie in politica non servono". E’ vero che con l’inizio delle votazioni il percorso delle riforme e’ minato da oltre 7mila emendamenti, "ci potrà essere un tentativo di rallentare questo cambiamento, un ostruzionismo che ci può portare a lavorare una settimana di più e a sacrificare un po’ di ferie, ma noi manterremo la promessa di cambiare il Paese", conclude il ministro. Intanto l’inizio del voto degli emendamenti previsto per oggi slitta.