Wall Street ancora in calo. A pesare sono Apple e petrolio

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Wall Street ancora in calo. A pesare sono Apple e petrolio

26 Ottobre 2016

 Wall Street si muove in territorio negativo. In questo momento l’indice Dow Jones scivola dello 0,41%, l’S&P500 cede lo 0,35% e il Nasdaq perde lo 0,45%. A pesare sugli scambi il calo del petrolio e alcune deboli trimestrali societarie. Tra cui quella di Apple, che segna un -3,85% scambiando a 113,70 dollari, dopo che ieri sera a mercato chiuso ha annunciato vendite dell’iPhone in calo nel trimestre luglio-settembre. Una debolezza che ha impattato sulla performance del gruppo tecnologico Usa che ha chiuso l’esercizio con un calo del fatturato per la prima volta da 15 anni.

Il risultato era comunque atteso con la diffusione dei dati relativi all’ultimo trimestre fiscale terminato lo scorso 24 settembre, che chiude con un utile netto di 9 miliardi di dollari. I ricavi si sono attestati a 46,9 miliardi di dollari, in linea con le stime degli analisti. 

Positiva la stima preliminare di ottobre del Pmi servizi Usa, salito a 54,8 punti rispetto ai 52,3 della lettura definitiva di settembre. Si tratta, precisano gli economisti di Ihs Markit che elaborano il dato, del ritmo di espansione più consistente dal novembre dello scorso anno. Infine, deludono i dati sulle vendite di nuove unità abitative negli Usa, salite a settembre del 3,1% a livello mensile a 593 milan unità, al di sotto del consenso a quota 610 mila. Lo ha reso noto il Dipartimento del Commercio Usa. Le cifre di agosto sono state riviste al ribasso da 609 mila 575 mila unità.

Performance positiva, invece, per Coca-Cola Company (+0,71% a 42,84 dollari) che ha registrato nel terzo trimestre un calo dei ricavi e dei profitti inferiore alle attese grazie soprattutto alla ripresa delle vendite nei mercati avanzati. La debolezza dei mercati emergenti e la forza del dollaro hanno prodotto effetti negativi negli ultimi trimestri su una società che genera la metà dei suoi ricavi al di fuori degli Usa, ma la società di Atlanta ha arginato il declino aumentando, per esempio, i prezzi e lanciando nuovi formati di bottiglie più piccole.